Ludoteche e centri estivi nella Golena del Po

di

La Golena del Po, sembra il titolo di un romanzo, invece è una zona della Padania dove il Po scorre largo e tranquillo, con le rive piene di pioppi, olmi, ontani e tanti uccelli. Per chilometri è un susseguirsi di boschi, cascine, campi coltivati e piccoli paesi. E’ in questo  angolo d’Italia in provincia di Cremona che  quattro paesi: Pieve d’Olmi, Stagno Lombardo, Gerre de’ Caprioli e san Daniele Po hanno preso parte al progetto “I nonni come potenziamento della comunità educante a sostegno delle fragilità genitoriali”. “E’ una zona vasta e poco popolata – ci spiega Donata Bertoletti presidente Auser comprensoriale di Cremona e referente per il progetto – molte famiglie vivono in cascine isolate e i servizi per la prima infanzia quasi non ci sono. C’era un unico asilo nido ma  è chiuso da due anni. Non c’è una evidente povertà economica, ma una povertà di relazione, di contatti sociali. Molti bambini non hanno alternative alla televisione o i videogiochi.Come prima cosa abbiamo cercato di capire quali erano le principali esigenze delle famiglie e le abbiamo coinvolte in una ricerca sul campo”.

La prima ludoteca è stata aperta a Stagno Lombardo nel giugno del 2019 in alcuni locali ceduti gratuitamente dalla casa di riposo.  Una seconda ludoteca nuova di zecca è stata inaugurata  a gennaio 2021 a Pieve d’Olmi  nella ex scuola dell’infanzia. Ampia, luminosa e piena di giochi divertenti. Zona rossa permettendo è aperta tre mattine alla settimana dalle 9 alle 12.
Per due interi anni scolastici in quattro scuole per l’infanzia un gruppo affiatato di nonne e nonni di comunità coadiuvati dagli educatori, mattina e pomeriggio, hanno intrattenuto i bambini in giochi e laboratori. E poi ci sono i centri estivi che grazie al progetto sono diventati un fiore all’occhiello.
“Nell’estate del 2020 – racconta Donata – da metà giugno e per 11 settimane un massimo di 60 bambini dai 4 ai 13 anni, hanno frequentato il centro estivo di Stagno Lombardo. Abbiamo organizzato attività ovunque fosse possibile: nei giardinetti, nelle piazze, per le strade. Un centro estivo diffuso. E quest’estate  si replica in nuovi comuni”. 
Nonno Gio, ambientalista, ha accompagnato i bambini nel vivaio  e lungo i sentieri per raccontare i misteri della natura, un altro nonno ha insegnato i giochi di una volta, nei laboratori di cucina le nonne hanno preparato con i bambini tagliatelle, gnocchi, frittate, biscotti, merende salutari con frutta e verdura. Hanno preparato insieme le pizze  e le focacce per poi cuocerle nel forno del paese.

Nonostante il periodo difficile che stiamo attraversando, nonostante le continue chiusure e riaperture dettate dalla pandemia, sembra proprio che in questo angolo di Lombardia molte sfide siano state vinte.

Regioni

Ti potrebbe interessare

Nonno Nevio, il nonno delle maschere

di

Gerre (CR). Nonno Nevio, il nonno delle maschere di carnevale. Gerre  è un comune del Cremonese di  poco più di 1300 abitanti....

Una rete di 300 nonni e nonne di comunità a contrasto della povertà educativa

di

Evento conclusivo del progetto promosso e finanziato dall’Impresa Sociale “Con i Bambini” Roma 28 settembre 2021 Centro Congressi Frentani  ore 9.30 – 13.30...

Anziani in campo per dare sostegno a famiglie disagiate con bambini da 0 a 6 anni

di

Creare una rete di “Nonne e nonni di comunità” per dare supporto alle genitorialità fragili e valorizzare le risorse che i nonni...