Movi-Menti: il viaggio continua!

di

Movi-Menti non finisce con la chiusura del progetto, Movi-Menti è oggi un mantra e un’ispirazione, e in questo video cerchiamo di raccontare il sunto di 3 intensissimi anni di lavoro a favore delle comunità educanti dei nostri territori. L’eredità che lasciamo è questa e ci accompagnerà nel nostro cammino!

 

Il Progetto Movi-Menti è stato un lungo viaggio di tre anni che ha unito Nord e Sud Italia, in un ponte immaginario fatto di umanità, scambi, centinaia di attività, laboratori, esperienze ed iniziative. Questo progetto interregionale, selezionato da Con i Bambini nell’ambito del Fondo per il contrasto della povertà educativa minorile, ha visto impegnati in tre anni oltre 50 partner, tra Fondazioni di Comunità, cooperative e consorzi di riferimento nei territori di riferimento del progetto.

L’obiettivo del progetto è stato quello di mettere in condizione i minori, in particolare quelli in situazione di svantaggio socio-economico, di fare esperienze educative attivanti e motivanti migliorando le loro capacità cognitive e relazionali, con conseguente impatto positivo sull’esperienza scolastica e diminuzione del rischio di abbandono e devianza attraverso la fondamentale partecipazione di scuola, servizi, famiglie, terzo settore, cittadini.

Complessivamente con state realizzate circa 570 attività tra iniziative, incontri, laboratori che hanno coinvolto, nelle cinque 5 regioni, 5964 minori, 1890 genitori o affidatari, 1318 insegnanti e educatori. L’eredità che lascia in Valle d’Aosta, Piemonte, Liguria, Campania e Sicilia non è solo nei numeri, nei dati, nelle attività svolte, ma è soprattutto nelle opportunità che ha offerto, nelle esperienze che ha lasciato, nei rapporti che sono nati tra ragazzi e tra operatori, nella rete tra terzo settore, scuole, famiglie e comunità.

E’ stato un processo continuo di costruzione, grazie ad una rete di oltre 50 partner che si è intrecciata e contaminata, scambiando metodologie, saperi, buone prassi. Famiglie e bambini hanno saputo così “affidarsi” e “fidarsi” della propria comunità educante e partecipare attivamente alla costruzione della stessa. Frutto di un lavoro collegiale, tutte le attività laboratoriali, declinate in linee precise di intervento (Sportiva-Mente, Ingegnosa-Mente, Estiva-Mente, Attiva-mente, Viaggin-Mente, Traversal-Mente) hanno avuto un approccio basato sul problem solving collaborativo. Questo ha messo in relazione il sapere e il saper fare, il progettare e il realizzare e attraverso il gioco, il progetto ha offerto opportunità di crescita personale sia a minori che adulti.

GRAZIE A TUTTI! DI CUORE!

Argomenti

Ti potrebbe interessare

Liguria: racconti a lume di candela per famiglie in occasione di “M’Illumino di Meno”

di

Un racconto, una voce narrante, una candela ad illuminare il buio, un parco e bambini e famiglie in ascolto! Eccola qui la...

Giornata internazionale dell’infanzia e dell’adolescenza con Movi-Menti

di

Ogni anno il 20 novembre celebriamo la Giornata internazionale dell’infanzia e dell’adolescenza. La data ricorda il giorno in cui l’Assemblea Generale delle...

Viaggin-Mente, un grande esempio di amicizia e integrazione tra 45 ragazzi di cinque regioni

di

Una settimana di grande divertimento, umanità, costruzione di amicizie nuove e di ponti da una parte all’altra dell’Italia, sperimentazione di attività non...