Un kit completo per seguire lezioni a distanza: ecco il dono della Fondazione Val di Noto alle nostre scuole

di

Settantacinque tablet, dotati di tastiera e cuffia, altrettante schede telefoniche, ma anche buoni spesa e per l’acquisto di medicinali, con un intervento complessivo per oltre ventimila euro. La Fondazione di Comunità Val di Noto, che opera in Sicilia, sta attuando una serie di iniziative per rafforzare le dotazioni tecnologiche di scuole, cantieri educativi e case famiglia, per consentire al maggior numero possibile di studenti di seguire in maniera proficua ed interattiva le lezioni fino alla fine dell’anno.

Sono, come detto, 75 i kit che in questi giorni sono stati consegnati all’Istituto comprensivo “Elio Vittorini” di Scicli, al Circolo didattico ‘Piano del Gesù’ di Modica, a otto cantieri educativi e due case famiglia del Val di Noto, che si prendono cura delle fragilità sociali e culturali di bambini e adolescenti.

La donazione è stata resa possibile grazie alla sensibilità e generosità della Fondazione “Nando ed Elisa Peretti”, che ha anche permesso l’acquisto del materiale. Attraverso i cantieri educativi, la Fondazione ha già attivato, con l’aiuto di numerosi volontari, un servizio per oltre 80 bambini e ragazzi che necessitano di un sostegno per la scuola.

“Stiamo accompagnando alcune realtà del territorio – spiega il vice presidente della Fondazione Val di Noto, Maurilio Assenzain iniziative di contrasto alle povertà educative, recupero delle competenze di base, sostegno scolastico, attività educative. Ora più che mai alcune famiglie e bambini hanno bisogno di supporti telematici per poter usufruire anche loro come i compagni delle lezioni a distanza con le loro maestre e la mediazione di operatori per un rapporto uno ad uno”.

Nella foto: Anna Occhipinti e Graziano Assenza

 

Ti potrebbe interessare

Movi-Menti Piemonte: un’estate di servizi e risposte ai territori

di

Sono tante le storie raccolte che siamo felici di raccontarvi. Ecco come cresce una comunità educante tra sinergie, integrazione, osservazione, interazione e...

“Storie di insegnanti ai tempi del Covid” e co-progettazioni per spazi giovanili 

di

Il semaforo rosso del Covid in Canavese (Piemonte) rallenta la programmazione e le attività a favore dei ragazzi e, con le scuole...

Contest fotografico per gli amici del Canavese #iorestoacasa

di

Ciao a tutti! Come state? Ci auguriamo che in questi giorni chiusi in casa abbiate approfittato del tanto tempo per seguire alcune...