Rimodulazione azioni – Essere comunità educante contro la povertà educativa minorile durante l’emergenza Covid-19

di

La situazione inedita e disorientante provocata dalla pandemia di Coronavirus ha determinato la necessità di un ripensamento di cosa è comunità educante in un momento in cui il distanziamento sociale è l’unica misura possibile per contenere il contagio.

Le scuole sono state messe al centro di un delicato sistema per poter garantire ai ragazzi e alle ragazze la continuità di una “normalità di vita”, oltre che la possibilità di proseguire il percorso formativo, sebbene con i limiti e le fatiche di una didattica a distanza. Questa situazione ha reso ancora più evidenti le disparità esistenti tra territori, nelle comunità e all’interno delle stesse classi, tra chi ha la possibilità di accedere agli strumenti per la didattica a distanza e chi non solo non ha questa opportunità, ma anzi si dovrà confrontare con un futuro probabilmente più incerto e difficile.

UNICEF Italia ha deciso di non fermare le attività del progetto Lost in education ma di trasformarle: per essere occasione di risposta immediata alle difficoltà – di isolamento, distanziamento sociale, disorientamento – che i minorenni stanno vivendo, ma anche opportunità di una progettazione futura, che faccia sentire i ragazzi e le ragazze protagonisti della ricostruzione della propria comunità “post emergenza”.

Tre sono le aree che saranno attivate proprio per l’emergenza:

1. Creare spazi sicuri per i ragazzi e le ragazze, dove possano esprimere liberamente le proprie emozioni e pensieri rispetto alla situazione di isolamento e distanziamento che stanno vivendo, nelle modalità permesse dalla didattica a distanza e nel pieno rispetto del diritto alla disconnessione dei ragazzi e delle ragazze;

2. Sostenere i genitori e le famiglie, oramai sotto scacco per i mutati tempi del lavoro, gli spazi ristretti della quotidianità, le aspettative dei figli, le preoccupazioni per il futuro, anche economico, con attività di ascolto e supporto genitoriale online;

3. Rafforzare il capitale sociale attivato con il progetto e dare ai ragazzi e alle ragazze il ruolo di essere i “costruttori” del post emergenza (dal ruolo di pontieri a costruttori), affinché possano sentirsi utili per la propria comunità (di pari, scolastica, educante, globale) e per proiettarli oltre l’emergenza, in un lavoro di co-progettazione per il post Covid-19, insieme agli stakeholder coinvolti in questo anno e mezzo di progetto. In particolare, si lavorerà sulla raccolta dei racconti, tramite video/voci/testi, preparati dai ragazzi e dalle ragazze (circa 1500 di contatti diretti).

Si intende in questo modo continuare a lavorare come comunità educante, rafforzando il protagonismo dei ragazzi e delle ragazze e mantenendo vive le relazioni con gli attori finora coinvolti, nella prospettiva che ciò che manuteniamo e attiviamo anche in questo momento difficile potrà essere un presidio per la fase di post emergenza.

Ti potrebbe interessare

L’impegno di Arci Liguria contro la povertà educativa continua nel 2020

di

Con la fine del 2019 è terminato il primo anno di attività del progetto Lost in Education che ha visto coinvolta Arci...

Un caso di studio all’Università di Sassari

di

“Inizialmente i ragazzi erano un po’ diffidenti, durante il percorso abbiamo avuto modo di conoscerci e insieme ci siamo interrogati su cosa...

Al via il progetto nell’ I.I.S. “Il Tagliamento” – Le prime impressioni

di

Contrastare la povertà educativa e favorire l’inclusione e il benessere dei ragazzi a scuola, questi sono gli obiettivi di Lost in Education,...

Questo sito prevede l‘utilizzo di cookie. Continuando a navigare si considera accettato il loro utilizzo. Ulteriori informazioniOK