Work in progress – I.C. Novaro di Imperia

di

L’equipe educativa formata da Donatella Lasagna nel ruolo di community manager, Emanuele Morandi come formatore e Rosanna Panzieri come referente per la scuola, ha iniziato a “raccontare” il progetto ai protagonisti della comunità educante quali: ragazzi, genitori, insegnanti, operatori terzo settore, amministratori della città e mondo profit, evidenziando il potenziale educativo e partecipativo esistente ma totalmente inespresso.
Da subito è emersa un’ energia positiva e una voglia di fare, e a dimostrarlo sono i numeri: 75 ragazzi coinvolti, 40 famiglie attive, 14 insegnanti, presenti a tutta la formazione, 74 cittadini al Laboratorio di comunità. Molti sono stati i genitori che hanno espresso la necessità di far partire il Laboratorio di sostegno alla genitorialità.

E allora partiamo!

Tutte le azioni sostenute dall’equipe educativa sono state realizzate tenendo sempre conto dei tempi ed esigenze della comunità. Il 1° Laboratorio di comunità di dicembre 2019 è stato un successo per la partecipazione e l’adesione. Sono stati disposti all’ingresso dei contenitori pieni di adesivi colorati con la risposta alla domanda : “Chi sei?”… sei un insegnante, uno studente, un amministratore, un genitore, un cittadino, un volontario?. Ognuno ha preso l’adesivo e lo ha attaccato alla propria giacca, un gesto che ha dato ufficialmente inizio al laboratorio.

Definire chi siamo non è mai facile: qualcuno ha scelto più categorie, un partecipante ne ha addirittura “indossate” quattro: ”sono un cittadino, un genitore, un amministratore e un volontario”. Dopo una piccola introduzione abbiamo diviso la platea in gruppi di lavoro misti, condotti dagli insegnanti che hanno partecipato alla formazione il tema era la costruzione del patto educativo territoriale. A lavoro concluso, i ragazzi si sono fatti portavoce dei lavori di gruppo in una restituzione collettiva.

A gennaio 2020 siamo tornati nelle classi pronti a concludere l’ azione di mappatura per poi caricarla online. In quell’occasione, un insegnante di sostegno assieme al ragazzo che segue hanno iniziato a tradurre in immagini le idee e i luoghi educativi indicati dalle tre classi. Il lavoro che svolgono importante e delicato; ognuno si relaziona con loro per trasformare uno spazio fisico in un simbolo, ma non solo, assieme iniziano a percepirsi in modo diverso e si innesca l’emersione delle abilità, delle competenze e dei talenti.

Da quanto il progetto è iniziato,  stiamo tenendo un “diario di bordo” sotto forma di video, un documento importante che testimonia meglio di qualsiasi altro le connessioni che si stanno costruendo e la nascita della nostra comunità educante.

Adesso l’azione che prevede i percorsi operativi territoriali è ai blocchi di partenza…. ed anche i tavoli di partecipazione attiva ci attendono.

(contributo di Donatella Lasagna)

Regioni

Ti potrebbe interessare

Lost in Education: al via il workshop per docenti e operatori “Costruire comunità educanti, insieme!”

di

Proseguono le attività del progetto Lost in Education per il contrasto alla povertà educativa minorile. Dal 25 al 27 marzo si svolgerà...

Lost in Education, la parola ai territori con i Forum regionali (6-25 novembre)

di

Si avvia nuova tappa del progetto che prevede lo svolgimento di 14 Forum territoriali (rigorosamente in modalità online in ottemperare alle misure anti-COVID)...