Lost in Education – Si parte!

di

 

Si è appena concluso il kick-off meeting del progetto Lost in Education, un incontro della durata di tre giorni presso gli uffici dell’UNICEF Italia durante i quali tutti i soggetti coinvolti nelle attività hanno avuto modo di confrontarsi e pianificare insieme il lavoro che verrà svolto nei territori d’intervento per una durata complessiva di 38 mesi.

La partnership del progetto è composta da UNICEF Italia come capofila in collaborazione con Arciragazzi Nazionale, Arciragazzi Liguria, Sicilia, Taranto, Lombardia e Lazio, Arci Liguria, Laboratorio FOIST per le Politiche Sociali e i Processi Formativi dell’Università degli Studi di Sassari – Dipartimento di Scienze Umanistiche e Sociali (che si occuperà della valutazione d’impatto) e 20 scuole (13 Istituti comprensivi e 7 Scuole superiori) di 7 Regioni italiane (Lazio, Lombardia, Sicilia, Puglia, Liguria, Sardegna, Friuli Venezia Giulia).

“Lost in Education” è tra i 17 progetti multiregionali approvati da Con i Bambini – impresa sociale cui è affidata l’operatività del Fondo per il contrasto alla povertà educativa – attraverso il Bando Adolescenza (11-17 anni) per un valore di 1,9 milioni di euro.

Destinatari del progetto sono 4500 ragazzi e ragazze delle scuole secondarie di primo grado e di secondo grado partner del progetto, 900 famiglie, 600 docenti, 255 attori sociali.

I ragazzi sono gli attori trasformativi del progetto e, con i docenti e accompagnati dagli operatori, diventano essi stessi “pontieri” tra scuola e altri attori della comunità educante.

 

La scelta dei luoghi di intervento (per un totale di 17 comunità distribuite in 7 regioni) non è stata casuale ma ha attentamente tenuto conto in particolare dei gruppi vulnerabili presenti (come ad esempio minorenni stranieri; minorenni in condizioni di povertà relativa; minorenni a rischio di fuoriuscita dal sistema scolastico; rendimento scolastico e numero di bocciature)

Il progetto Lost in Education intende:

  • migliorare il benessere dei ragazzi e la loro capacità personale di percepirsi come attori trasformativi della propria comunità scolastica e di vita;
  • rafforzare la centralità della scuola come luogo educativo e aumentare il supporto della comunità educante;
  • sviluppare una comunità educante in cui gli attori sociali siano capaci di riconoscere le proprie competenze educative e prendersi carico del processo educativo.

Attraverso il coinvolgimento dei ragazzi e delle ragazze, degli insegnanti e delle famiglie saranno realizzate attività di mappatura della comunità educante nelle aree in cui avrà luogo il progetto, individuando punti di incontro, aggregazione e socializzazione degli adolescenti e facendo emergere il capitale educativo della comunità stessa.

Si procederà poi ad attivare laboratori misti di studenti, docenti, famiglie e attori della comunità con la finalità di costruire ambienti sicuri in cui i ragazzi possano sviluppare le proprie capacità e avviare percorsi territoriali di co-progettazione verso una comunità che si attesta come educante.

A conclusione del progetto ci si attende la definizione di un modello di Attestazione di Comunità Educante, sintesi di azioni positive e di sistema, che capitalizzi le risorse educative della comunità e le orienti verso una educazione di qualità e il pieno sviluppo delle potenzialità dei minorenni.

Elenco delle scuole partecipanti:

  • Istituto Comprensivo Uruguay – Roma
  • Istituto Comprensivo Roccagorga – Maenza’ (LT)
  • Istituto d’Istruzione Superiore San Benedetto – Latina
  • Istituto d’Istruzione Superiore Enrico De Nicola – Sesto San Giovanni (MI)
  • Istituto Tecnico Economico e Turismo G.Garibaldi – Marsala (TP)
  • Istituto Comprensivo L. Pirandello – Mazzara del Vallo (TP)
  • Istituto Comprensivo Sturzo Sappusi – Marsala (TP)
  • Istituto Comprensivo Novara di Sicilia – Novara di Sicilia (ME)
  • Istituto Comprensivo Dante Alighieri – Taranto
  • Istituto Comprensivo Statale C.G. VIOLA – Taranto
  • Istituto Comprensivo Busalla – Genova
  • Istituto Comprensivo di Arenzano – Arenzano (GE)
  • Istituto Comprensivo Andrea Doria – Vallecrosia (IM)
  • Istituto Comprensivo di Taggia (IM)
  • Istituto Comprensivo Mario Novaro – Imperia
  • Istituto d’Istruzione Superiore E. Ruffini – D. Aicardi – Taggia (IM)
  • Istituto d’Istruzione Superiore Statale Einaudi, Casaregis, Galilei – Genova
  • Istituto Comprensivo Su Planu – Selargius (CA)
  • Istituto d’Istruzione Superiore N. Pellegrini – Sassari
  • Istituto d’Istruzione Superiore ‘Il Tagliamento’ – Spilimbergo (PN)

Ti potrebbe interessare

Il contributo delle ragazze e dei ragazzi di Lost in Education durante l’emergenza Covid-19

di

La partecipazione delle ragazze e dei ragazzi dell’I.C. Uruguay di Roma alle attività del progetto Lost in Education è notevole, nonostante il...

Un anno di Lost in Education a Spilimbergo

di

Lost in Education  è attivo da quasi un anno nel territorio di Spilimbergo e ora si iniziano a trarre le prime conclusioni...

Lost in Education: mercoledì 26 alle 15.30 diretta Facebook per parlare della Comunità Educante

di

Mercoledì 26 alle 15.30 in diretta sulla pagina Facebook di Arci Liguria faremo il punto su Lost in Education, progetto triennale di...