Torna il Maker Camp: a settembre, per scoprire coding, design e modellazione 3d

di

Dal 6 al 17 settembre, dopo il grande successo dell’edizione di luglio, tornano i laboratori sulle nuove tecnologie dell’associazione PDP nell’ambito di DOORS – porte aperte al Desiderio come OppOrtunità di Rigenerazione Sociale, il progetto selezionato da Impresa sociale Con i Bambini nell’ambito del Fondo per il contrasto alla povertà educativa minorile

Torna il Maker Camp, il laboratorio in cui scoprire divertendosi dedicato alle discipline STEAM (Scienze, Tecnologia, Ingegneria, Arte Matematica) organizzato dal PDP, l’associazione di software libero di Fabriano: dopo il successo della prima parte, tenutasi lo scorso luglio con attività di coding e robotica, dal 6 al 17 settembre il PDP organizza una seconda tornata di laboratori, dedicati a coding, design e modellazione 3d.

Obiettivo è sempre promuovere la creatività sotto ogni forma, spingendo i ragazzi a pensare come maker, “smanettoni”, esplorando nuove strade e condividendo le loro scoperte. Anche questa tornata sarà a tema spaziale: dopo il successo della prima missione su Marte (i laboratori estivi), i partecipanti dovranno progettare le infrastrutture necessarie alla vita spaziale.

L’edizione di settembre del Maker Camp si rivolge ai ragazzi dai 9 ai 15 anni, e si svolgerà dal 6 al 17 settembre dalle 16 alle 19 in modalità online: è possibile iscriversi al link https://bit.ly/maker-camp-2021-f2 .

Week #1
Accoglienza di turisti e sopravvivenza su Marte.
Week #2
Adattamento dell’infrastruttura per l’accoglienza di famiglie.

Le attività del Maker Camp si svolgono nell’ambito di DOORS, il progetto nazionale contro la povertà educativa coordinato da CIES Onlus di cui il PDP è il referente territoriale, e sono state portate in questi mesi nelle scuole di Fabriano, Matelica e Cerreto d’Esi.

Anche questa sessione del Maker Camp si svolgerà nello spirito del Learning Creative Learning, l’approccio all’apprendimento, sviluppato al MIT di Boston sul modello del Costruzionismo del grande pedagogista Seymor Papert, che segue le parole d’ordine Play, Peer, Passion Projects, promuovendo un apprendimento ludico e cooperativo, basato su un approccio progettuale alla realizzazione delle proprie passioni.

Ufficio stampa:
Manfredi Mangano, +39 3386778088, info@manganoandpartners.com

Regioni

Ti potrebbe interessare

Evento Outreach: il concetto di salute nell’ambito delle politiche di contrasto alla povertà educativa minorile

di

Nota Stampa Il progetto DOORS – porte aperte al Desiderio come OppOrtunità di Rigenerazione Sociale finanziato dall’impresa Sociale Con i Bambini ha...

A scuola di distanze. L’Arte per scoprire come vivono i ragazzi e contrastare la povertà educativa.

di

Nota Stampa Roma. Scuola all’aperto. L’Arte per scoprire come vivono i ragazzi e contrastare la povertà educativa. Il teatro, il rap, la...

Italo Calvino e il “Barone Rampante”: l’aspetto evocativo della letteratura libera la fantasia.

di

Il laboratorio “A-muri. Una quarantena di sguardi e prospettive” è stato svolto da Genea Manenti durante il periodo di lockdown e fa...

Questo sito prevede l‘utilizzo di cookie. Continuando a navigare si considera accettato il loro utilizzo. Ulteriori informazioniOK