Lancio progetto: Cremona, Brescia e Mantova insieme per i più piccoli e le loro famiglie

di

 

I primi mille giorni di vita sono la base per il futuro. Dei bambini innanzitutto e di tutta la comunità. Parte da qui Da zero a Mille, il progetto dedicato alla prima infanzia che si rivolge a oltre 25.300 bambini da 0 a 3 anni dei territori cremonese, bresciano e mantovano e che mette insieme 36 partner tra istituzioni pubbliche e privato sociale e 9 ambiti territoriali sociali.
L’importante iniziativa è stata presentata questa mattina al Civico81 di via Bonomelli a Cremona, alla presenza dei rappresentanti delle realtà pubbliche e private dei tre territori coinvolti e di Regione Lombardia con la Dirigente dell’Unità Organizzativa Famiglia, Pari opportunità e Programmazione territoriale Clara Sabatini, in rappresentanza dell’Assessore a Famiglia, Solidarietà sociale, Disabilità e Pari Opportunità di Regione Lombardia Alessandra Locatelli recentemente nominata Ministro della Disabilità. Il progetto è stato selezionato da Con i Bambini nell’ambito del Fondo per il contrasto della povertà educativa minorile.

Rispondere alle sfide che riguardano la fascia 0-3 anni. Dare continuità alle buone pratiche e progettarne di nuove. Sostenere i servizi nei piccoli comuni. Accrescere cultura e competenze sull’infanzia. Orientare in modo multidisciplinare le politiche sui bambini e sulle famiglie con attenzione alle fragilità. Sono questi i macro-obiettivi del progetto che, partito a luglio, proseguirà per tre anni. Le azioni principali? Servizi domiciliari alla nascita, asili nido per la sanità, educazione all’aperto e formazione della comunità educante.
Con un metodo ben codificato che prevede una forte integrazione tra sociale e sanitario, il protagonismo dei bambini, la prevenzione delle vulnerabilità familiari e la valutazione dell’impatto dei risultati.

Il progetto guarda al micro, coinvolgendo gli Ambiti Territoriali Sociali che sono titolari dei Piani di Zona per garantire il reale impatto delle azioni. Lo fa con un’attenzione particolare
ai piccoli comuni dove è più difficile l’accessibilità, la sostenibilità e la flessibilità dei servizi per la prima infanzia. Il progetto guarda al macro, coinvolgendo la Regione Lombardia affinché le prassi sperimentate possano contribuire alla programmazione del Fondo Nazionale per le Famiglie e delle misure di conciliazione vita/lavoro.
“Il progetto ricalca a pieno gli obiettivi della European Child Guarantee – è l’intervento di Clara Sabatini di Regione Lombardia che si è collegata da Milano – Le azioni messe in campo, di servizio, prevenzione e supporto per la fascia 0-3 anni e per le famiglie, sono perfettamente in linea con le indicazioni europee e regionali. Anzi, questo progetto ci può
servire come spunto di riflessione per le politiche della Regione Lombardia”.

Alla presentazione di Da Zero a Mille hanno partecipato Paola Merlini, presidente della Cooperativa Cosper (capofila), Patrizia Concari, Vicesindaco e Assessore ai Servizi sociali del Comune di Gardone Val Trombia (Brescia), Emanuela Nichetti, Assessore all’Istruzione del Comune di Crema, Monica Ploia, Referente Innovazione e sviluppo Cooperativa sociale Archè di Castel Goffredo, in rappresentanza del territorio mantovano, Maura Ruggeri, Assessore all’Istruzione del Comune di Cremona e Giuseppe Tadioli, Presidente dell’Azienda sociale cremonese.
Ha condotto l’evento Federica Bandirali, giornalista di Cremona1.

“Un grande progetto sovraterritoriale che mette insieme pubblico e privato e che richiede importanti investimenti – è la dichiarazione di Paola MerliniAbbiamo territori molto ricchi,
ma che hanno dei bisogni crescenti legati allo 0-3. Con questa iniziativa affrontiamo temi cruciali come la povertà educativa, la conciliazione, l’outdoor education, la prossimità domiciliare, l’integrazione socio-sanitaria. Con un scopo: quello di consegnare alla programmazione politica locale e regionale le prassi che sperimentiamo, dandoci un approccio sistemico e valutando le azioni nel breve, medio e lungo termine attraverso la sinergia con l’Università di Pavia”.

 

Regioni

Argomenti

Ti potrebbe interessare

Rosa, DO-MI-SOL di Cremona. “Permettiamo loro di esprimersi e imparare le autonomie”

di

Un’opportunità di crescita e relazione per i bambini. Un’occasione di integrazione per le famiglie. Vi presentiamo Rosa Ceballos, coordinatrice del nido DO-MI-SOL di...

Sabato 20 maggio giornata sull’Outdoor a Volta Mantovana con Ministero, Università e cooperative

di

  Una giornata interamente dedicata a riflessioni, confronti ed esperienze di tutela e crescita dei “diritti naturali dei bambini”. Si intitola “Outdoor...

Miriam, 25 anni. “Allargare le iniziative sulla prima infanzia è fondamentale”

di

 “Al corso preparto su cinque mamme, in quattro eravamo educatrici. Allargare le iniziative sulla prima infanzia anche a chi non conosce già questi...