Un viaggio alla scoperta del patrimonio ambientale e culturale della Calabria

di

Quaranta giovanissimi allievi di tre scuole della Locride – l’I.I.S Guglielmo Marconi di Siderno, il Liceo delle scienze umane G. Mazzini di Locri, e l’I.C. San Luca-Bovalino – hanno attivamente partecipato al viaggio didattico formativo residenziale in provincia di Cosenza, realizzato nell’ambito di «Crescere in Calabria», progetto sostenuto da “Con i Bambini” e coordinato come ente capofila dall’associazione Civitas Solis.

Un intenso viaggio esperienziale dal sud al nord della Calabria che ha visto la realizzazione di innovative attività di formazione ed apprendimento all’interno di musei, spazi culturali, parchi naturalistici, centri di aggregazione. Un fare scuola fuori dalla aule, basato su una visione olistica dell’apprendimento che mira a contrastare la povertà educativa attraverso una forte cooperazione tra enti di terzo settore e scuole, in un quadro di comunità educante. Questa recente iniziativa del progetto si è posta l’intento di promuovere, negli allievi della Locride coinvolti, una maggiore consapevolezza dello straordinario patrimonio culturale e ambientale della Calabria, potenziando, altresì, sia le abilità sociali che le competenze cognitive e storiche, di pensiero visivo, estetico e scientifico. Entusiastiche le valutazioni finali dei partecipanti, tutte videofilmate, i quali hanno affermato che non si aspettavano prima della partenza una esperienza cosi intensa, che ha permesso loro  altresì di stringere nuove amicizie, di entrare per la prima volta in un museo, di apprendere divertendosi.

“Abbiamo riscontrato un fortissimo apprezzamento tra gli alunni partecipanti ed un ritorno veramente positivo dopo il rientro in classe” ha dichiarato il prof. Bruno Pelle, vicario dell’Istituto di Istruzione Superiore “Guglielmo Marconi” e referente per il progetto nella scuola sidernese. I ragazzi e le ragazze partecipanti, hanno preso parte al viaggio dopo le attività preparatorie curate dagli esperti di Civitas Solis e dai docenti tutor Anna Barranca, Antonella Romeo,  Veneranda Legato e Ilario Capocasale. Questi ultimi due hanno altresì accompagnato gli allievi anche nelle attività residenziali. Mentre i laboratori, le dinamiche di outdoor education e le attività svolte nei quattro diversi musei visitati (Galleria nazionale di Palazzo Arnone, Museo multimediale Consentia Itinera, Museo all’aperto Bilotti e Museo naturalistico del Cupone) sono stati condotti tra gli altri dalle esperte Ida Tedesco, Pasqualina Caruso e Teresa D’agostino, sotto la supervisione di Francesco Mollace coordinatore di “Crescere in Calabria”.

Articolo a cura di Civitas Solis, ente capofila del progetto Crescere in Calabria

Regioni

Ti potrebbe interessare

The Leader in Me: l’azione messa in campo a Cosenza per i minori fragili

di

Cambiare strada, rafforzare l’autostima e migliorare il rendimento scolastico. È il percorso intrapreso da 12 adolescenti dell’Alto Jonio Cosentino, provenienti da situazioni...

Locride, dal tavolo territoriale la proposta di un patto di comunità per i giovani

di

Un grande patto educativo di comunità per supportare le ragazze e i ragazzi della Locride che si trovano in una situazione di...

Fervono le iniziative nell’area dell’Alto Tirreno cosentino: l’associazione Gianfrancesco Serio ci racconta le attività in corso

di

Nell’area di progetto dell’Alto Tirreno cosentino, dopo la breve pausa estiva (l’azione “A scuola di motivazione” è proseguita fino al 20 luglio),...