Sedici Modi di Dire Ciao: al centro i ragazzi ed il loro benessere psicologico. La firma del nuovo protocollo d’intesa

di

Il benessere psicologico è l’obiettivo della collaborazione tra l’Ente Autonomo Giffoni Experience ed il Centro Socio-Sanitario “San Nicola” di Giffoni Valle Piana. Oggi è stato siglato il rinnovo del protocollo d’intesa che di fatto dà un importante prosieguo alla partnership per il prossimo triennio. Sostegno psicologico, mediazione sociale, consueling sono le attività di cui il Centro Socio-Sanitario San Nicola si occupa all’interno della collaborazione con Giffoni e che ha trovato una sua importante confluenza in particolare nel progetto Sedici Modi di Dire Ciao, l’iniziativa di Giffoni Experience, selezionata dall’impresa sociale Con i Bambini e interamente partecipata da Fondazione con il Sud per combattere le povertà educative e offrire ai più giovani l’opportunità di crescere e ampliare il proprio background umano e culturale.

Il protocollo è stato siglato da Pietro Rinaldi, presidente dell’Ente Autonomo Giffoni Experience, e da Giulia Troisi, direttrice del Centro Socio-Sanitario “San Nicola”.

Sono felicissimo – ha dichiarato il presidente Rinaldiper questo rinnovo che fa riferimento ad una collaborazione fruttuosa e proficua. Una sfida ambiziosa e che è in linea con la mission di Giffoni che vuole essere sempre al fianco dei ragazzi, sostenendoli anche dal punto di vista psicologico. Uno strumento utilissimo soprattutto in considerazione della delicata fase, quella di emergenza sanitaria, che ha messo a dura prova tutti, in particolare i giovani”.

Con Giffoni – ha commentato direttrice Troisil’amicizia è antica e quello di oggi è un importante step che conferma la fiducia reciproca. Abbiamo tenuto insieme numerose iniziative. Ora siamo impegnati con Sedici Modi di Dire Ciao e proprio domani parteciperemo al Campus che è in corso a Terravecchia”.

Per il progetto Sedici Modi di Dire Ciao, infatti, oltre alla dottoressa Trosi, il Centro si è avvalso delle professionalità delle dottoresse Rita Tucci e Giulia Nannini.

Abbiamo iniziato a marzo – spiega Giulia Troisi – con i ragazzi di +13 e +16, divisi in due gruppi dopo aver dovuto rimodulare il progetto alla luce dell’emergenza Covid. Gli incontri perciò si sono necessariamente svolti da remoto. Ma la risposta dei ragazzi è stata comunque molto positiva. Il veicolo principe che abbiamo scelto è stato quello delle emozioni. Un discorso importante per i ragazzi che abbiamo approfondito attraverso il linguaggio del gioco e di varie forme espressive”.

Abbiamo provato – aggiunge – a restituire ai ragazzi una condizione di normalità attraverso uno spazio di leggerezza e poi provando a stimolare la loro autostima. Dato il periodo il rischio più concreto poteva essere quello del blocco delle emozioni”.

Poi è stata la volta del campus di Terranova di Pollino dello scorso giugno: “Il filo conduttore – ha continuato – è stato creare un legame con l’altro attraverso momenti di condivisione, tra l’altro all’aria aperta, altro elemento di normalità che in questi mesi pure è mancato”.

Questa è la collaborazione relativa al progetto “Sedici Modi di Dire Ciao” ma il rapporto con il Centro Socio-Sanitario “San Nicola” è più ampio: “Mettiamo al centro la persona – conclude la dottoressa Troisi – ed orientiamo i nostri servizi a questo obiettivo”. E’ evidente come questo proposito sia in linea con i valori e lo spirito di Giffoni.

“Il progetto è stato selezionato da Con i Bambini nell’ambito del Fondo per il contrasto della povertà educativa minorile. Il Fondo nasce da un’intesa tra le Fondazioni di origine bancaria rappresentate da Acri, il Forum Nazionale del Terzo Settore e il Governo. Sostiene interventi finalizzati a rimuovere gli ostacoli di natura economica, sociale e culturale che impediscono la piena fruizione dei processi educativi da parte dei minori. Per attuare i programmi del Fondo, a giugno 2016 è nata l’impresa sociale Con i Bambini, organizzazione senza scopo di lucro interamente partecipata dalla Fondazione CON IL SUD. www.conibambini.org”.

Ti potrebbe interessare

Scrivere per decongestionare: con Sedici Modi di Dire Ciao le parole come strumento di libertà

di

Si può diventare scrittori anche solo per un giorno, per un dettaglio diventato all’improvviso fondamentale, per una parola non detta, per un...

” La storia dell’Eroe ” il format scelto per insegnare ai ragazzi le basi dello storytelling

di

“La storia dell’eroe” al centro del nuovo lab, per imparare l’arte del narrare. Giovedì 22 luglio i ragazzi del gruppo + 13 sono stati...

“Sedici Modi di Dire Ciao”: a scuola di sicurezza sul web con la Polizia Postale

di

Si cresce anche imparando a muoversi in sicurezza nel mondo digitale, al campus “Andata e ritorno – Sedici Modi di Dire Ciao”...