Il teatro contro gli stereotipi: il tema di genere nella scienza.

di

Il 28 Febbraio 2024, la Comunità Educante de’ Pazzi propone, agli alunni della scuola Palombini di Roma, la visione dello spettacolo ”ALT Apparecchiami la tavola”.

 

Uno spettacolo teatrale come occasione di incontro e riflessione sulla tematica di genere ed un momento di formazione per gli alunni che a breve dovranno scegliere il proprio percorso superiore.

Il teatro è quest’anno al centro delle attività della Comunità educante de’ Pazzi: lo abbiamo proposto come percorso di formazione (Pedagogia dell’espressione e Danza-movimento-terapia), come attività laboratoriale utilizzando i laboratori del progetto Scuole Aperte che la comunità educante propone all’istituto (“Il teatro del desiderio” laboratorio per la scuola media, “Andiamo a teatro” rivolto alla scuola dell’infanzia e alle famiglie, in collaborazione con Ruotalibera Teatro Centrale Preneste)  ma anche collaborando alle attività di contrasto alla dispersione nei progetti PNRR (laboratori teatrali in italiano come seconda lingua). Lo proponiamo in quest’occasione come spazio di relazione e incontro, in una giornata rivolta ai ragazzi della scuola media che si incontrano nel plesso centrale di Palombini.

Un’occasione di incontro con una commedia che pone al centro un tema importante per chi si trova a scegliere il proprio percorso di formazione: il tema di genere nella scienza.

ALT Apparecchiami la tavola” (scritta e diretta da Ludovica Valeri con Silvia Guido e Ludovica Valeri, voce off Gabriele Ciccotosto) è una commedia sulla storia della tavola periodica e sulle scienziate che ad essa hanno lavorato ma che non vengono ricordate nel racconto di tanti libri e manuali scolastici. Per incrinare visioni stereotipate nell’immaginario di chi si trova a decidere dei propri studi superiori, e affermare che la scienza, e in generale l’istruzione, sono legate alla determinazione, la fantasia, la competenza e la creatività di persone che vi hanno contribuito a prescindere dal genere, seppure non sempre ciò venga raccontato. Ricordare questo è fondamentale affinché ciò non avvenga anche nel futuro.

La giornata sarà anche un’occasione di ritrovo, nella sede centrale, per studenti di altri plessi e proporrà loro un momento di confronto negli spazi all’aperto della scuola tra una replica e l’altra, favorendo la relazione e la conoscenza nell’ambito di un momento ludico ricreativo.

L’obiettivo è anche quello di intercettare, nei momenti di festa che come Comunità Educante proponiamo, non solo bambini e genitori, ma anche alunni più grandi.

 

Il progetto “Comunità Educante DE’ PAZZI all’opera” è stato finanziato con il bando per le Comunità Educanti 2020 attraverso il Fondo per il contrasto della povertà educativa minorile. Loperatività del Fondo è stata assegnata dall’Acri all’impresa sociale Con i Bambinisocietà senza scopo di lucro interamente partecipata dalla Fondazione CON IL SUDSoggetto responsabile del progetto “Comunità Educante DE’ PAZZI all’opera” è Insieme per l’Aniene APS in partenariato con ABCittà società cooperativa sociale, ASD Palestra Popolare Corpi Pazzi, IC G. Palombini, Museo di Casal de’ Pazzi.

Regioni

Ti potrebbe interessare

C.E. DE PAZZI: Il primo ciclo di laboratori ludico-motori ad Autunno 2023 con le Scuole del territorio

di

Come sono andati i laboratori ludico-motori dell’Autunno 2023, di supporto alle Scuole del territorio? I seguenti Laboratori, di cui vi abbiamo già...

DE’ PAZZI TRA SCUOLA E COMUNITÀ: SPAZI DI APPRENDIMENTO PER LA SOSTENIBILITÀ

di

Coltivare Conoscenza e Sostenibilità nell’I.C. Giovanni Palombini Nel cuore di una città caotica, spesso la natura può sembrare un lusso irraggiungibile. Tuttavia,...

La Comunità Educante De’ Pazzi si presenta

di

Come nasce la Comunità Educante De’ Pazzi, quali sono i suoi valori e obiettivi e come è stato avviato il progetto? COME...