Planet or Plastic? A Bari la mostra fotografica su conseguenze inquinamento

di

Una mostra fotografica per riflettere sui pericoli dell’inquinamento, a disposizione dei giovani in Puglia seguiti dal progetto Affido Culturale, che a livello regionale vede Fondazione Sat capofila. I piccoli affidati e le famiglie affidatarie potranno così accedere fino al 13 marzo a Planet or Plastic?, l’esposizione curata da National Geographic e organizzata dall’Associazione Cime al Teatro Margherita di Bari.

Planet or Plastic ?

Planet or Plastic? è una mostra fotografica internazionale destinata ad un pubblico di adulti e ragazzi, le cui immagini sono una testimonianza reale delle gravi conseguenze ambientali dovute all’eccessivo utilizzo della plastica nell’ambito della nostra vita quotidiana: nel mondo, infatti, ogni anno circa 8 tonnellate di rifiuti di plastica finiscono nei mari e negli oceani, causando effetti sconvolgenti per l’intero ecosistema.

L’esposizione – curata da Marco Cattaneo, Direttore di National Geographic Italia – raccoglie scatti dei più grandi fotoreporter del National Geographic ed un lavoro fotografico artistico intitolato Soup, letteralmente zuppa, della pluripremiata artista britannica Mandy Barker, che da diversi anni indaga insieme a scienziati e ricercatori sugli effetti devastanti della plastica con l’obiettivo di provocare una forte reazione nello spettatore. Completa il percorso la proiezione del documentario di National Geographic Punto di non ritorno del regista premio Oscar Fisher Stevens e dell’attore premio Oscar e Messaggero della Pace per conto dell’ONU Leonardo Di Caprio: un affascinante resoconto sui drammatici mutamenti che si verificano oggi in tutto il mondo a causa dei cambiamenti climatici. Planet or Plastic? ha come obiettivo quello di coinvolgere lo spettatore in un percorso di riflessione e di consapevolezza sul proprio ruolo e sulle proprie responsabilità nei confronti del pianeta. Perché ognuno di noi, attraverso piccoli gesti nel quotidiano, può essere parte del cambiamento.

La mostra, pensata in particolar modo come percorso di formazione e di informazione destinato alle nuove generazioni, propone percorsi studiati appositamente per le scuole, che si avvalgono dell’ausilio di guide ambientali. Per questa ragione, tutte le classi primarie e secondarie interessate, potranno prenotare la propria visita con i docenti accompagnatori, avvalendosi anche del servizio di trasporto messo a disposizione dal Comune di Bari.

Per informazioni sulla mostra si può chiamare il numero +39 351 145 9819 o inviare mail a info@planetorplasticbari.it.

Come sempre, l’accesso all’esposizione per i giovani Affidatari si potrà effettuare dopo la prenotazione sull’app di Affido Culturale.

Regioni

Argomenti

Ti potrebbe interessare

Cultura e integrazione: AC parte ad Andria

di

La cultura come meccanismo innovativo per l’integrazione. E’ questo uno dei punti fondamentali di “Passpartù – Affido culturale Andria per minori ucraini”,...

La Giornata della Memoria tra concerti e premiazioni: qui gli appuntamenti nel Barese

di

Il passato da non dimenticare: ricordare l’errore per imparare e non ripetere più. Per la Giornata della Memoria, la pandemia non ha...

Natura, archeologia e borghi: i tesori nel Barese si svelano per Affido Culturale

di

Un viaggio alla scoperta dei borghi della provincia di Bari, tra musei, storia e gastronomia. Esperienze che toccano tutti i sensi e...