Totem: si parte, le attività estive

di

Le prime mosse il progetto le ha prese nel mese di aprile. Sono seguite settimane intense di lavoro “invisibile” ma fondamentale: riunioni tra i partner e di equipe necessarie per organizzare al meglio le attività e gli spazi, ma soprattutto condividere obiettivi e metodo di lavoro.

Il progetto è invece entrato nel vivo nel mese di maggio nei Centri di aggregazione e nelle ludoteche coinvolte, con l’obiettivo di dare continuità e potenziarne le attività e i servizi, generando nuovi spazi e dando nuovi impulsi a questi luoghi fondamentali di crescita e di educazione, che è uno degli obiettivi cardine di Totem. L’offerta di un servizio che sta proseguendo anche in piena estate è non solo uno strumento utile a potenziare il percorso avviato nei Cag durante l’anno scolastico, ma è anche una concreta azione di sostegno alla genitorialità, attraverso la realizzazione di attività strutturate, sia ludiche che di apprendimento, gratuite per bambini e ragazzi dopo la chiusura delle scuole.

All’interno dell’Istituto Comprensivo Fratelli Cervi si è ad esempio dato vita a un laboratorio che impiega la peer education, coinvolgendo gli adolescenti nel supportare i bambini della scuola primaria nello svolgimento dei compiti estivi e nelle attività laboratoriali. Questa attività, possibile grazie all’innesto di Totem nelle azioni della scuola e del Cag, fa leva sull’ampia fascia d’età dei destinatari del progetto (5-14 anni), trasformata in risorsa. Per quanto riguarda poi la particolare fascia di età 11-14 anni, operatori e ragazzi hanno lavorato insieme alla costruzione del programma di attività estive: la valorizzazione dei bisogni e della libera iniziativa che viene da chi frequenta spazi e laboratori è uno degli elementi al centro del progetto.

Una delle necessità emerse spontaneamente ed accolte e organizzate nel Cag di Corviale è stata ad esempio quella della lettura collettiva e dell’analisi di quotidiani e notizie: una rassegna stampa quotidiana condotta insieme, ragazzi e operatori, concentrandosi in particolare sugli aspetti che sollevano maggiore discussione, curiosità o necessità di spiegazione e comprensione.

Sono poi partiti i lavori di progettazione e allestimento delle Smart Room all’interno delle scuole partner: la prima azione di Fusolab 2.0, che si occupa anche di rendere omogenea l’infrastruttura tecnologica del progetto, è stata l’acquisizione di una panoramica sulle attrezzature informatiche e tecnologiche già presenti negli istituti scolastici, del quadro tecnico e del “fabbisogno tecnologico” delle scuole, in modo da allestire Smart Room funzionali non solo a Totem ma anche al curricolo didattico. È in corso anche la preparazione degli spazi cloud in ogni scuola, quelle che abbiamo chiamato Smart Room Virtuali. Un lavoro necessario per arrivare pronti all’appuntamento con la riapertura dell’anno scolastico!

Regioni

Ti potrebbe interessare

Operatori a confronto: la supervisione metodologica una tappa fondamentale

di

  Periodicamente è previsto un incontro tra tutti gli operatori coinvolti in Totem. Momenti fondamentali di scambio, relazione e confronto tra educatori...

Formazione a distanza per i docenti: il primo modulo è online

di

  La didattica a distanza non è solo per gli alunni ma anche per i docenti. Gli insegnati coinvolti nelle scuole di...

Creatività e autostima negli adolescenti durante la pandemia: parliamone

di

    Sabato 10 aprile, nell’ambito delle attività rivolte alla comunità educante da Totem, si terrà online il seminario “Creatività e autostima...