IL LABORATORIO DI TEATRO DELL’ESTATE KOINÈ – SUL PALCO “I PROMESSI SPOSI”

di

Sfidando un caldo rovente, 15 ragazze e ragazzi sono stati protagonisti di una rappresentazione teatrale a conclusione del Laboratorio di Teatro dell’Estate Koinè 2023, svoltosi a Monterotondo. Sono stati loro a scegliere di portare sul ‘palco’ un grande classico della letteratura italiana: “I Promessi Sposi” di Alessandro Manzoni. Dal romanzo alla messa in scena, giovedì 20 luglio alle ore 19 presso la parrocchia di Gesù Operaio di Monterotondo hanno preso parte attivamente alla rappresentazione, con una versione ridotta ma non per questo meno intensa.

Il lavoro ha visto i partecipanti coinvolti prima nella comprensione e narrazione dei fatti della storia manzoniana e successivamente nella creazione di quadri scenici”, racconta Elisa Faggioni, direttrice del laboratorio.

L’allestimento ha seguito i canoni della commedia italiana o commedia dell’arte, con gli attori seduti ai lati dello spazio scenico a vista pubblico. Un semplice fondale da cui escono i personaggi fa da cornice alla scena riempita vivacemente dai ragazzi. Una storia antica, piena di fascino, che ha incuriosito tutti.

Ma come rendere un romanzo storico/scolastico, spesso affrontato con pesantezza a scuola, in qualcosa di avvincente? La domanda sicuramente se la sono posta in tanti.

Trasformandolo in una pièce teatrale viva e attiva”, risponde l’insegnante di teatro, che rivolge ai propri alunni i suoi complimenti “per essere riusciti in pochi incontri a realizzare un così bel lavoro!

Tra applausi sentiti e fragorose risate, il folto pubblico ha dato confermo che l’obiettivo del percorso è stato raggiunto con successo e non era certamente scontato tenuto conto della breve durata del corso, cominciato a metà giugno.

Tante emozioni in circolo, risate, colpi di scena che hanno visto protagonisti Giada (narratore), Federico (Renzo), Bianca (Lucia), Saul (Don Rodrigo), Maya (Perpetua/Don Abbondio), Elena (Dottor Azzeccagarbugli), Chiara (Suor Gertrude) Riccardo (Padre Cristoforo), Diamante (Agnese), Aurora (L’Innominato), Alessandro (Nibbio) ed Elisa (Griso).

Hanno rappresentato le scene più significative della storia dei “Promessi Sposi”, con i personaggi principali e due voci narranti, fondamentali per accompagnare lo spettatore in questa versione ridotta, un concentrato della storia vera, che oltre ai personaggi già noti a molti dei genitori ha fatto scoprire qualcosa in più dei ragazzi. Un esercizio davvero formativo per i neo attori che hanno avuto modo di entrare nella struttura della rappresentazione scenica, nei personaggi oltre che in elementi di costume.

Complimenti all’insegnante Elisa Faggioni, che è anche riuscita a far sperimentare il Teatro Sociale ai ragazzi, affiatati e solidali sul palco.

Tutti i partecipanti sono stati premiati con un attestato di partecipazione e un Voucher cultura consegnati dagli operatori di La Lanterna Di Diogene, Vanessa Palmigiani, Carmine Dorio e Véronique Viriglio.

Il Laboratorio estivo di Teatro rientra nell’HUB QUINTA E SENZA, gestito da dalla Cooperativa Sociale Lanterna Di Diogene, è stato diretto da Elisa Faggioni del Teatro dell’Applauso, attrice, insegnante di recitazione ed educatrice di teatro sociale. Le attività, interamente gratuite, sono state promosse e organizzate dalla stessa cooperativa con sede a Mentana, soggetto capofila del progetto “L’Atelier Koinè”, selezionato da Impresa Sociale CON I BAMBINI nell’ambito del fondo per il contrasto della povertà educativa minorile.

Regioni

Argomenti

Ti potrebbe interessare

Legalità. Continuano gli incontri con le scuole del progetto l’Atelier Koinè

di

Confronto con gli istituti aderenti al progetto selezionato da impresa sociale “Con i Bambini” e il sociologo Marco Omizzolo. Il tema: i...

A Terrasini, un presidio d’ascolto per tutti, in particolare per i nostri ragazzi.

di

Presso l’Istituto partner Giovanni XXIII è gestito lo sportello d’ascolto, reso possibile dal progetto: “L’Atelier Koinè” selezionato da Impresa Sociale CON I...

“TU HAI LE CAPACITA’, USALE!” A TRAPANI L’ARTE E LA CREATIVITA’ SONO …DI SCUOLA

di

L’arte, la creatività e la manualità come strumenti di conoscenza didattica, ma soprattutto di se stessi e delle proprie capacità. Per gli...