Tutoraggio in lingua inglese per minori 11-13 anni

di

Grazie alla collaborazione del progetto Digeducati con l’Università di Bergamo, all’inizio dell’anno accademico 2021-2022 abbiamo raccolto 70 candidature di volontariato da parte degli studenti di cui 28 si sono concretizzate in attività di tutoraggio.

Altrettanti alunni delle scuole medie hanno ricevuto supporto gratuito per due ore a settimana; non solo matematica, inglese, letteratura, storia, ma anche argomenti legati al digitale e approfondimenti specifici per disturbi dell’apprendimento grazie agli studenti e alle studentesse della facoltà di Scienze dell’Educazione.

Dalle lezioni tradizionali in videochiamata alla didattica integrata a distanza attraverso lavagne digitali interattive e applicazioni coinvolgenti in totale sono state 920 le ore di formazione specifica per i tutor, preparazione delle lezioni e affiancamento ai ragazzi. L’89% dei tutor ha dato una valutazione positiva delle attività svolte e abbiamo raccolto commenti entusiasti sulla crescita sia personale che dei beneficiari del progetto.

Un’esperienza molto interessante ha riguardato il coinvolgimento di una tutor madrelingua inglese originaria del Pakistan, Maham Abid, che sta frequentando un periodo di studio a Bergamo.

Ecco cosa ci ha raccontato:

Come ogni giorno ho controllato le e-mail e ne ho vista una che parlava di questo progetto. Così come il 90% delle e-mail che ricevo era in italiano e l’ho tradotta. Avevo davvero voglia di fare volontariato per questo progetto, ma purtroppo ho visto che era dedicata agli studenti italiani, così ho inviato un messaggio alla responsabile, la Dott.ssa Cristina Crippa, per chiedere se ci fosse un’opportunità di questo tipo anche per gli studenti internazionali. La sua proposta è stata quella di organizzare degli appuntamenti online di conversazione in lingua inglese e ho risposto subito che sarei stata disponibile. Abbiamo discusso anche di quali temi avrei preferito parlare. Sono stata da subito entusiasta.

A marzo 2022 abbiamo fatto la prima conversazione in diretta streaming. Non mi sarei mai aspettata una lezione così interattiva, tanto è vero che avevo preparato alcune domande per gli studenti e sono stata felice di non avere avuto nemmeno l’opportunità di chiederle. Erano così curiosi che mi hanno riempito di domande. È stata un’esperienza fantastica. Nel corso delle conversazioni successive ho avuto la possibilità di conoscere meglio la cultura italiana, soprattutto il cibo preferito dagli italiani.

Anche la lezione con i ragazzi ucraini è stata molto particolare. È stato sorprendente vedere che alcuni conoscevano il cibo pakistano. Altri erano molto timidi e parlavano poco, ma gli alunni italiani facevano domande interessanti che ci permettevano di scambiare conoscenze sulle rispettive culture.

In generale l’esperienza con questo progetto è stata molto bella. Mi piacerebbe continuare a svolgere questo tipo di volontariato perché amo passare del tempo con i giovani e i bambini e scambiare conoscenze culturali quindi questo progetto è stato molto adatto ai miei interessi.

Grazie per questa opportunità.

 

Regioni

Ti potrebbe interessare

DigEducati sbarca nel metaverso con il primo PDC online

di

  L’educazione al digitale passa anche attraverso la sperimentazione di un innovativo spazio virtuale che ‘DigEducati’ ha organizzato allestendo un Punto di Comunità...

Digeducati – Marco Camisani Calzolari spiega il digitale a più di 800 alunni bergamaschi

di

Come comportarsi online, quali sono i siti più utili per i giovani e la condivisione in famiglia tra gli argomenti dell’incontro dello...

Musica digitale per le scuole medie al PDC di Seriate

di

Conoscere gli strumenti digitali offre ai ragazzi un’opportunità di apprendimento completa dei linguaggi e delle logiche dell’informatica, per questo motivo DigEducati mette...