Tra medie e superiori, tra aspettative e preoccupazioni

di

02/02/2024

Il passaggio dalla scuola secondaria inferiore alla superiore è un momento importante e delicato: i ragazzi compiono le prime scelte significative per la propria vita e queste scelte portano con sé nuove aspettative e nuove preoccupazioni. Cosa influisce sulle scelte, come decidere di fronte a differenti opzioni?  Quali sono i passi per una decisione consapevole?

Ce lo raccontano gli educatori del progetto DAD – Differenti Approcci Didattici che hanno lavorato con ragazzi e ragazze delle scuole secondarie di primo grado cittadine.

Il percorso che abbiamo proposto, ci dicono, li orienta non solo nella scelta dell’indirizzo di studi, ma soprattutto li aiuta a comprendere il senso della scelta, partendo dai loro bisogni e dalle loro esigenze.

Infatti inizia nelle classi seconde delle secondarie di primo grado, perché il primo obiettivo è rendere consapevoli i ragazzi delle proprie capacità, attitudini, aspettative e difficoltà, come persona e come studente, in vista di una scelta ragionata.

Durante gli incontri gli educatori li hanno definiti “talenti”: quali talenti pensate di avere?” – hanno chiesto – “e quali vorreste acquisire durante il vostro percorso di studi e di vita?”.

E hanno proposto un gioco: descrivete “come mi vedo” e “come mi vedono gli altri”, per poi leggere le risposte incrociandole.

Divisi a coppie gli studenti dovevano, dopo aver scritto il proprio talento, scrivere quello del compagno/a a seguito di un confronto. Un’esperienza di condivisione e riconoscimento reciproco importante: in una classe ad una ragazza con varie disabilità (cognitive e fisiche) la compagna ha riconosciuto il talento di dare degli abbracci fortissimi, questo a dimostrare che ciascuno di loro è portatore di talenti.

La valigia dei talenti

Ognuno costruisce, decora e riempie una “valigia dei talenti” con ciò che vorrà portare con sé nel prossimo anno scolastico; a sua volta, l’insegnante costruisce una valigia che riempie con quelli che ritiene essere i talenti della classe, condivisi con gli alunni.

Nell’ultimo anno poi si affrontano desideri e paure legati al cambiamento, rispondendo a “Quali cose BELLE mi aspetto che succederanno” e “Quali sono le cose che mi PREOCCUPANO”.

Su questi temi, gli adolescenti di oggi esprimono gli stessi sentimenti dei loro genitori e dei loro nonni: il timore di allontanarsi dagli amici e dalle amiche, ma anche la speranza di trovarne di nuovi; la paura di incontrare professori troppo severi, ma anche l’entusiasmo per poter scegliere finalmente quali materie di studio privilegiare.

Anche il bilanciamento tra carico di studio e vita sociale è una preoccupazione comune, come il timore di non essere in grado di relazionarsi con persone nuove.

Tra ansie, paure, speranze e desideri prevale l’entusiasmo di fare delle scelte in autonomia per iniziare a tracciare il proprio percorso di vita.

 

Il Calabrone Coop. Soc.

Regioni

Ti potrebbe interessare

DAB – #6 Il futuro di internet e dei social media

di

Cosa si può ancora immaginare di nuovo per i social media? Ne parliamo con Francesco Oggiani, giornalista, volto di Will e autore...

DAB – #23 La montagna come “hub” per la comunità

di

20/07/2023 Oggi parliamo della montagna. La montagna come luogo di comunità, di confronto e scambio e non di isolamento. Quasi un quarto...

DAB #45 – GRAZIE!

di

12/06/2024 Siamo arrivati alla fine del lungo viaggio del podcast DAB, Di Aiuto ai Boomer. Un progetto che ha consegnato a chi...