Scrivere per dare forma al mondo: con Sedici modi di dire ciao le parole per scoprire se stessi e gli altri

di

C’era una volta – e c’è ancora – la creatività dei ragazzi, quella che basta poco per risvegliare l’ispirazione: a volte anche solo una suggestione, una frase, un’immagine possono dar vita a un’intera narrazione. E quando quella fantasia trova finalmente la sua strada, le parole si rincorrono fino a formare una nuova storia.

Come si fa a strutturare un racconto? Come si fa ad inventare il profilo del protagonista di un’avventura? Da dove nasce l’idea? Basta mettere in una stanza trenta ragazzi, parlare con loro, dare dei piccoli suggerimenti ed ecco che dal brusio generale si leva una voce dapprima insicura, poi cresce l’attenzione dei compagni: è il momento dell’ascolto. La vocina è sempre più decisa, convinta nell’esporre le sue idee. Ecco che alla prima esitazione interviene un altro compagno, e poi ancora un altro e sembra che le idee non finiscano più. Una vera e propria fabbrica della fantasia.

Ed è proprio questo che cerca di fare OUR FAVOURITE STORIES: il lab di Sedici modi di dire ciao, progetto selezionato dall’impresa sociale “Con i Bambini”, nell’ambito del “Fondo per il contrasto della povertà educativa minorile”, ideato e realizzato dall’Ente Autonomo Giffoni Experience. Il cantiere culturale di Eboli (Campania) ha ospitato il nuovo appuntamento del corso, ai ragazzi in presenza si sono aggiunti oltre 70 ragazzi collegati dagli hub delle altre quatto regioni partnerBasilicataCalabriaVeneto Sardegna.

Leggi di più...

Scrivere per dare forma al mondo. Per raccontare. Per condividere e scoprire. Il primo obiettivo dell’allenamento alla scrittura è scoprire che ogni cosa del mondo è raccontabile (dalla fotografia ritrovata nell’album dei ricordi della nonna, alla partita di calcio tra amici) e scrivere è una meravigliosa opportunità per raccontare ciò che ci circonda, per dargli una forma leggibile, per mostrare sé stessi e gli altri.

Il progetto è stato selezionato da Con i Bambini nell’ambito del Fondo per il contrasto della povertà educativa minorile. Il Fondo nasce da un’intesa tra le Fondazioni di origine bancaria rappresentate da Acri, il Forum Nazionale del Terzo Settore e il Governo. Sostiene interventi finalizzati a rimuovere gli ostacoli di natura economica, sociale e culturale che impediscono la piena fruizione dei processi educativi da parte dei minori. Per attuare i programmi del Fondo, a giugno 2016 è nata l’impresa sociale Con i Bambini, organizzazione senza scopo di lucro interamente partecipata dalla Fondazione CON IL SUD. www.conibambini.org.

Ti potrebbe interessare

La cultura ridisegna la periferia: dal 27 febbraio al 3 marzo al il via il Cantiere di narrazione Basilicata con Sedici Modi di Dire Ciao

di

L’iniziativa è stata selezionata dall’impresa sociale Con i Bambini e interamente partecipata da Fondazione con il Sud

Sedici Modi di Dire Ciao, educare ai sogni per ripartire: si chiude in Basilicata il primo campus organizzato da Giffoni

di

L’iniziativa, selezionata dall’impresa sociale Con i Bambini e interamente partecipata da Fondazione con il Sud, continuerà durante #Giffoni50Plus dal 21 al 31 luglio Mostrare ai...

Contrastare la povertà educativa attraverso l’audiovisivo. A #Giffoni2022 le collaborazioni con Fondazione con il Sud e Impresa sociale “Con i bambini”

di

Contrastare la povertà educativa e culturale attraverso il cinema e, più in generale, l’audiovisivo. È una delle sfaccettature degli Invisibili, il tema...