Musica per la pace: il contest musicale “Play Music Stop Violence”

di

Ho visto video di artisti russi che suonavano musica di compositori ucraini; la musica fa questo, unisce da sempre “. A parlare è Fellow, giovane artista torinese di 21 anni che ha già alle spalle una partecipazione ad X Factor sceso a Roma come ospite del Play Music Stop War, con Sant’Egidio in concerto per la pace, concerto organizzato dalla Comunità di Sant’Egidio insieme al contest musicalePlay Music Stop Violence“, nell’ambito di Valori in Circolo,  progetto promosso dalla Comunità di Sant’Egidio e selezionato dall’impresa sociale Con i Bambini nell’ambito del fondo per la lotta alla povertà educativa minorile.

Giunto alla decima edizione, il contest musicale “Play Music Stop Violence” si è infatti unito ad un concerto per la pace nella splendida cornice di Piazza del Popolo, davanti a più di 5000 spettatori; artisti emergenti e giovani talenti hanno avuto così non solo la possibilità di condividere il palco con artisti affermati come Anastasio, Ditonellapiaga, Motta, Galeffi e molti altri, ma anche di provare a vincere l’ambito primo premio.  Aggiudicarselo, infatti, avrebbe dato diritto a vedere il proprio brano distribuito sulle piattaforme musicali da “Cantieri Sonori” e di poter registrare in uno studio professionale.

Benedicta, Giuseppe D’Amati, Emanuele Prisano, Matteo Sica, Snap Out, Six Drops, The Last Chance, Tito Terribili, Vinciotti e Zagare di Luna: questi i nomi dei finalisti del contest che si sono sfidati a colpi di note in una competizione all’insegna della pace e dell’amicizia. Obiettivo dell’iniziativa, infatti, era quello di promuovere un messaggio di non violenza, integrazione, multiculturalità, accoglienza, rispetto per la vita, ecologia e contro la guerra ed il razzismo attraverso la musica.

Ad aggiudicarsi il primo premio è stato Francesco Vinciotti, con il brano “Rosa”; mentre il secondo premio è andato, invece, a Giuseppe D’amati, con “L’isola di plastica”. Il premio “Giuria popolare” ed il “Premio Atac”  sono andati invece ai Six Drops, che avranno la possibilità di sentire la loro canzone “Muro di ombra” trasmessa dagli altoparlanti di una stazione metro. Il “Premio web“, assegnato all’artista che ha ottenuto più likes su Facebook, Instagram e Youtube, è andato poi a Matteo Sica, con il brano “Per tutte le volte“. Infine, il “Premio della critica” è stato assegnato ai “The Last Chance“, autori del singolo “Grido di pace“.

Dopo la proclamazione dei vincitori, la serata è continuata con il concerto “Play Music Stop War, con Sant’Egidio in concerto per la pace”: cantanti di tutta Italia si sono uniti al coro di pace dei bambini presenti tra il pubblico e dei tanti appassionati venuti a sentir cantare i loro autori preferiti. Un’unica voce di pace che, sperano gli organizzatori dell’evento, riescano a raggiungere le orecchie e i cuori di tanti.

 

Regioni

Ti potrebbe interessare

Il Segretario Generale dell’ONU risponde ai bambini di Valori in Circolo: “continuate così!”

di

Lo avevano annunciato dopo una girandola di colori; in quel giorno, un piccolo esercito di bambini era sceso in piazza per urlare “No alla...

I gelati sotto le stelle: Combattere caldo e solitudine e diffondere messaggi di Pace

di

A Padova, come in altre parti d’Italia, il caldo ricopre la città in queste settimane e la Scuola della Pace, con la fine...

“La guerra è anche quando un nostro amico viene preso in giro in classe”

di

Cos’è la pace? Cosa vuol dire guerra? Sono queste le domande che si sono posti i Giovani per la Pace di Napoli...