La Scuola della Pace di Torino, un luogo dove sognare

di

A Torino la Scuola della Pace di via Steffenone continua ad essere un punto di riferimento per tanti bambini della città. L’anno scolastico è ormai iniziato da qualche mese, ma nuovi amici continuano a bussare alle porte del doposcuola gratuito, incluso in Valori in Circolo – progetto promosso dalla Comunità di Sant’Egidio e selezionato da Con i Bambini nell’ambito del fondo per il contrasto alla povertà educativa minorile.

Un ponte tra il campo rom e la Scuola 

È stato così che i volontari della Scuola della Pace hanno conosciuto Francesca (nome di fantasia), bimba rom di 8 anni; per lei, la Scuola della Pace rappresenta un luogo diverso dalla sua vita nel campo rom di Piazza D’Armi, oltre che un luogo sicuro e accogliente dove poter vivere la sua vita di bambina. Il legame tra Francesca, la sua famiglia e la Scuola della Pace, ha permesso ai ragazzi di Valori in Circolo di conoscere meglio le difficoltà che affrontano quotidianamente tante famiglie Rom della città. Tra i bambini del campo sono molti i minori non scolarizzati e anche tra gli iscritti a scuola il rischio di dispersione scolastica è elevato. Con la pandemia, poi, la situazione si è ulteriormente aggravata. In questo senso, la Scuola della Pace, inclusa nel Progetto Valori in Circolo, vuole essere un punto di incontro tra scuola e territorio al fine di combattere la dispersione scolastica.

La casa dei sogni

Di recente si sono uniti alla Scuola della Pace anche Federica e Valerio (nomi di fantasia). I due fratelli vengono da una storia familiare difficile ed hanno sempre vissuto in posti e in situazioni che nessun bambino dovrebbe conoscere. Loro, però, sono forti e pieni di vita: appena finisce i compiti, Federica inizia a colorare e non si ferma più. Spesso disegna una casa grande piena di alberi e con tanti giochi con cui divertirsi; a chi glielo chiede, racconta che quella casa è la casa dei suoi sogni dove un giorno spera di vivere con i suoi fratelli e la sua mamma. Valerio, invece, è un bambino più introverso. Quando lo abbiamo conosciuto quasi non parlava, ma la Scuola della Pace lo sta aiutando anche in questo: ora, infatti, Valerio partecipa volentieri alle attività e spesso è lui stesso a proporre nuovi giochi. 

Rimettere i valori in circolo

Al momento di andare via, entrambi tentano di allungare la permanenza nascondendosi sotto i banchi: è il loro modo per dimostrare quanto, in così poco tempo, si siano affezionati alla Scuola della Pace. Questa, per loro, è una grande casa piena di colori, calda di affetto e amicizia dove, anche solo per poche ore alla settimana, possono trovare quella felicità e tranquillità che finora non hanno mai avuto. Con la speranza che, un giorno, una volta cresciuti, tornino alla Scuola della Pace per aiutare e per mettere in circolo quei valori che, allora, li avranno accompagnati nella crescita

Regioni

Ti potrebbe interessare

Il mio Natale solidale: Nicolas racconta la sua esperienza con Valori in Circolo

di

Da sempre il Natale è un periodo importante per tutte le Comunità di Sant’Egidio del Piemonte: negli anni passati “Natale” significava soprattutto...

Alla Summer School insieme si combatte la povertà educativa

di

Si è concluso da poco un anno scolastico complicato, segnato da chiusure e dalla difficoltà per molti minori di seguire in maniera...

Incontrare gli anziani, la proposta di Valori in Circolo ai giovani per un’estate alternativa

di

In diverse regioni italiane alcune case di riposo stanno consentendo di nuovo l’ingresso ai visitatori esterni. Per gli studenti di Valori in...