Genova riparte dalle bambine e dai bambini

di

Dopo il disastro legato al crollo del ponte Morandi, la Val Polcevera riparte dai bambini e dalle famiglie. Ieri, lunedì 17 settembre nella Casa della Beata Chiara ha spalancato le porte il Villaggio per Crescere.

Tante attività gratuite per famiglie e bambini da 0 a 6 anni
Al Villaggio sarà possibile leggere, giocare, fare musica e coltivare un piccolo orto, tutto in modo condiviso, tra adulti e più piccoli. Tante attività per promuovere un’educazione equa e inclusiva: un sostegno concreto ai genitori, per avere più strumenti per trascorrere anche a casa dei momenti di qualità con i propri figli e anche per lo sviluppo cognitivo e relazionale dei bambini.
Da novembre poi, si raddoppia, perché il Villaggio avrà un’altra sede, nella biblioteca del Castello Foltzer.

Il territorio della Val Polcevera

«La Val Polcevera è un territorio dove ci sono circuiti di fragilità, di deprivazione morale e materiale e il crollo del ponte ne ha accentuato le criticità», ci racconta Maria Carla Sivori, della cooperativa sociale Ascur, che assieme al Comune di Genova sono i partner locali del Villaggio, e propone attività proprio nei luoghi limitrofi alla zona rossa. «Dobbiamo andare avanti ma senza ignorare quello che è successo. Come cooperativa abbiamo fatto presente al Municipio che noi ci siamo, con tempi e risorse e che lavoreremo per ricostruire e riparare, per erigere ponti relazionali più solidi e forti di prima, per costruire ponti umani, perché oltre al ponte Morandi, rischiamo di andare in frantumi noi», conclude.

Ripartire dai bambini e dalle famiglie è un segnale di determinazione e lungimiranza.

Significa rafforzare le fondamenta di una comunità, ricostruire e tessere nuovi legami sociali forti. «Ora più che mai è importante per la Val Polcevera e le sue famiglie avere un riferimento, un luogo di comunità, che combatta la disgregazione e la paura.  Ci sono persone che ora non hanno più il luogo sicuro, che è la casa, ma anche il territorio non è più sicuro, non sentono più quel senso di appartenenza e identità che li legava qui, e con i Villaggi noi vogliamo essere un punto di riferimento, un porto sicuro, un collante per la comunità in cui passare del tempo insieme e fare attività» racconta Maria Carla Sivori.

La zona della Val Polcevera era già stata selezionata per il progetto perché c’erano delle criticità legate all’infanzia. Ad esempio, è una delle zone con il più alto numero di minori in affidamento ai servizi sociali e, a differenza di altre zone della città e soprattutto d’Italia, qui c’è un’alta presenza di minori, diretta conseguenza dell’elevato tasso di fecondità legato agli immigrati e al ricongiungimento familiare.

Regioni

Ti potrebbe interessare

Diario di Un Villaggio in ogni Casa | 11-15 maggio

di

Il Villaggio per Crescere di Torino si stringe al suo quartiere, Barriera di Milano. Bambini, genitori, negozianti, il Mercato, la Casa del Quartiere,...

Un Villaggio per Crescere

di

“Per crescere un bambino ci vuole un villaggio”. Ispirati da questo antico detto africano abbiamo costruito, assieme a più di trenta partner,...

Il tempo (prezioso) del Coronavirus

di

È banale ricordare che occorre fare di necessità virtù. Resta vero, però. Lungi dall’elencare tutte le opportunità che si aprono, per fortuna,...

Questo sito prevede l‘utilizzo di cookie. Continuando a navigare si considera accettato il loro utilizzo. Ulteriori informazioniOK