Gli elementi della Pedagogia resistono anche a distanza?

di

Franca Bertotto, figura di riferimento per il progetto all’interno dello snodo La rocca Incantata presso Cascina Roccafranca, è pedagogista di lunga esperienza e ci racconta come è cambiato l’intervento educativo in queste settimane. Riportiamo qui la sua riflessione e la ringraziamo per averla condivisa.

“La pedagogia a distanza o meglio ” l’essere vicini a”  è la riformulazione che noi preferiamo per descrivere il senso delle  attività che settimanalmente inviamo online alle famiglie e ai bambini che frequentano gli snodi di Thub06.

In un primo momento dei bambini e delle bambine in fascia 06 se ne è parlato poco, tutti concentrati come opinione pubblica sulla “bomba” letteralmente caduta sui programmi scolastici e pertanto tutti intenti a risanare quella voragine e scoprire che, sebbene da lontano, sebbene con molto lavoro e competenze nuove da acquisire per tanti insegnanti, le lezioni erano più o meno salve!

L’uso del web per i piccoli si poteva pensare al massimo come un esperimento anzi, riprodurre la relazione online ci sembrava una cosa disdicevole, contraria a certi principi che non vedono di buon occhio gli schermi dati in mano ai piccolissimi, sebbene sia chiaro a tutti quanto essi ne siano attratti e siano abilissimi nello smanettare, come lo avessero fatto già nella pancia: “concepiti digitali” più che nativi digitali!

Ma nel dover fare di necessità virtù si scoprono cose interessanti, che modificano i modi di vedere e raccontano come sia bene non assumere posizioni estreme, bensì guardare la realtà modificata, presidiarla come adulti e sapervi scorgere qualche germoglio da coltivare anche quando le cose miglioreranno e i bambini torneranno liberi.

E abbiamo così scoperto che si riesce a rimanere in rapporto con i bambini anche attraverso uno schermo, per quanto piccolo sia. Se la relazione è vera si riesce, soprattutto se dall’altra parte, vicino al bambino, ci sono dei genitori che la veicolano, che la mantengono viva col pensiero e con le parole, che sanno creare l’aspettativa nei loro bimbi, che presidiano, appunto. Con una qualità certamente diversa dal dare un tablet in mano al bimbo perché guardi il giochino o il cartone e stia un po’ buono, offrendo momenti di tregua per gli adulti.

 Ce lo dicono i genitori stessi nei loro messaggi di incoraggiamento e ringraziamento, anche quando ci sembra di essere invadenti dopo tanti giorni in cui inviamo storie, canzoncine, laboratori, loro ci dicono di continuare, che i bimbi li guardano 100 volte al giorno e che anche per i grandi sono preziosi. Lo abbiamo letto nei loro occhi durante il primo incontro virtuale con le famiglie nei giorni scorsi: eravamo tutti emozionati, e chi non è riuscito a collegarsi si è scusato e ha scritto che aspetta una prossima volta perché sente la mancanza delle maestre. I bambini poi, sorprendenti come sempre, indicavano con il dito i loro amici visti nello schermo, si cercavano, si guardavano.

Vedere queste famiglie serene, alcune con nuovi bimbi arrivati da pochi giorni, che sanno gestire la convivenza in questo periodo così difficile senza protestare, senza toni accesi di impazienza, ecco è stata un’emozione semplice e profonda nello stesso tempo. In fondo questa situazione ha permesso a tutti di conoscere il “dietro le quinte” di ciò che vediamo quotidianamente nei nostri servizi, in particolare quelli in cui i bimbi sono affidati alle educatrici: noi li vediamo un po’ nella loro intimità di casa, i genitori dall’altra vedono come le “maestre”, come ci chiamano loro, leggono le storie o cantano le canzoni, e l’intesa si costruisce e si rafforza.”

L’esperienza che si sta svolgendo in molti snodi di Thub06, come ha descritto Franca Bertotto, prevede una convivenza non solo tra grandi e piccoli ma anche con il mondo digitale. Questi giorni di isolamento stanno portando molti educatori ad aprire nuove porte e ad affacciarsi a nuovi strumenti per provare a percorrere strade con cautela e senso critico ma senza porre veti sulle possibilità che si possono sperimentare.

Contatti
Thub
thub06@coopliberitutti.it
www.coopliberitutti.it/thub06
fb Thub06

Cascina Roccafranca
Via Rubino, 45
tel. 011.19502281
laroccaincantata@educazioneprogetto.it
www.cascinaroccafranca.it

Regioni

Questo sito prevede l‘utilizzo di cookie. Continuando a navigare si considera accettato il loro utilizzo. Ulteriori informazioniOK