Il suono del testo #2

di

Eccoci giunti al secondo incontro con “IL SUONO DEL TESTO”. Dopo aver sperimentato e scoperto nel precedente video alcuni suoni attraverso i respiri, cambi di velocità, virgole immaginarie e voci inventate, torniamo di nuovo alle nostre frasi.
Frasi che come ho già detto in precedenza, devono essere utilizzate negli esercizi senza l’ausilio della punteggiatura indicata al fine di poter essere il più neutre possibile, esenti da qualsivoglia interpretazione o intenzione o musicalità che spesso spontaneamente aggiungiamo quando leggiamo o ad alta voce o a mente. Questo tipo di neutralità permette di calarci sempre più a fondo nel nostro testo permettendoci di scoprire suoni differenti.

Clicca  per seguire la video lezione di Anna:

Anche questa volta iniziamo con un piccolo esercizio di riscaldamento dei muscoli facciali e dunque leggeremo le nostre frasi sostituendo tutte le vocali. A E I O U, risulteranno suoni strani e buffi ma vi assicuro che è un esercizio molto utile. Il secondo esperimento è quello del “COME FOSSE” e consiste nell’immaginarci tre diverse situazioni nelle quali le nostre frasi si trovano. Nel video le modalità scelte
sono:

1- COME FOSSE UNA FORMULA MAGICA
2- COME FOSSE UN SEGRETO
3- COME FOSSE UN TG

Potete ovviamente scegliere altri “come fosse”, l’importante è ascoltarsi e ascoltare come i suoni cambiano, come le parole acquistano diverso significato ma soprattutto possiamo scoprire come aldilà delle parole, a teatro, l’unica cosa che conta è l’intenzione. Sono le cose più importanti l’intenzione vocale insieme all’intenzione fisica, aldilà del significato delle parole. Le “intenzioni” muovono energia ed emozioni, i significati invece rimangono nell’ambito del razionale.
L’attore deve sempre sapersi muovere all’interno di queste due dinamiche differenti. Il terzo esercizio possiamo considerarlo un esperimento musicale. Prendiamo una canzoncina facile e conosciuta da tutti come “tanti auguri a te” e sostituiremo il testo originale con le nostre frasi. Anche in questo caso, la canzone da me proposta è solo un esempio, potete dunque scegliere una canzone diversa.

Concludiamo con l’esperimento del ritmo. Battendo le mani ad un ritmo da noi scelto, inseriamo ancora una volta il nostro testo. Utilizzando ritmi diversi vi accorgerete ancora di quanti suoni differenti scopriremo. Mi auguro che questi piccoli suggerimenti possano esservi di aiuto nel vostro
percorso che sia attoriale o no. Non dimentichiamo mai che il lavoro dell’attore si muove attraverso la
sperimentazione, il gioco e la scoperta di sé, degli altri e del mondo.

di: Anna Mingarelli – Teatro Labrys
Officina Terra che Emoziona

Hai perso la lezione 1 del Suono del Testo? Clicca qui per seguirla. 

 

Regioni

Ti potrebbe interessare

La T.E.R.R.A. si racconta nell’Ist. Comprensivo di Supino.

di

Complicità, tensione, concentrazione e poi, sorrisi e spettacolo. E’ questo il mix perfetto di emozioni per descrivere gli sguardi dei numerosi allievi...

Sportello di ascolto psicologico

di

Anche quest’anno è attivo lo sportello di ascolto psicologico, l’officina dedicata ai genitori e agli studenti degli istituti coinvolti nel progetto T.E.R.R.A...

VIDEO – spettacolo “L’essenziale è invisibile agli occhi” una sfida vinta.

di

Una sfida vinta grazie al teatro con lo spettacolo dei ragazzi del Bragaglia! Mi chiamo Liliana Zanghì, sono l’operatrice dell’Associazione “Teatro Labrys”...

Questo sito prevede l‘utilizzo di cookie. Continuando a navigare si considera accettato il loro utilizzo. Ulteriori informazioniOK