Perché la dizione e quando usarla. #2

di

Con Patrizia Volpe di Residenza IDRA, si apre la seconda video lezione di dizione e fonetica della nostra lingua Italiana. Le variazioni dei nostri dialetti cambia la pronuncia e il suono di molte parole. Ma la dizione è diversa dai dialetti regionali del nostro Paese, la dizione si studia in un altro modo: in questa seconda lezione, Patrizia ci spiega come.

Clicca per seguire la video lezione di Patrizia e cimentati con gli esercizi di dizione:

Lezione #1

Contenuti: accento tonico, accento fonetico, parole omografe toniche allofone, vocali acute e gravi.

Obiettivi: riconoscere l’accento tonico all’interno delle parole, riconoscere il suono acuto e grave delle vocali E e O, imparare a pronunciare le vocali aperte o chiuse, saper indicare graficamente l’apertura e la chiusura delle vocali.

Lezione #2

Contenuti: l’italiano standard, perché la dizione e quando usarla, l’ortoepia, parole omografe foniche allofone,  prime regole di É acuta, i diminutivi.

Obiettivi: conoscere e memorizzare le prime semplici regole di pronuncia di É acuta, utilizzare gli strumenti utili per l’apprendimento della dizione.

Lezione #3

Contenti: la pronuncia media delle vocali atone, ulteriori regole relative a É acuta come i sostantivi legati a professioni o titoli al femminile, la chiusura dei derivati del verbo METTERE, la pronuncia acuta delle terminazioni verbali dell’infinito alla seconda coniugazione e del futuro.

Obiettivi: imparare a stringere la pronuncia delle vocali E e O quando sono atone, limitare l’inflessione regionale nella pronuncia delle sillabe che chiudono le parole, ampliare il bagaglio di regole relative a É acuta.

Alla prossima lezione.

Patrizia Volpe – Residenza IDRA

Hai perso la prima video lezione di Patrizia Volpe: dizione e fonetica per scoprire l’uso delle parole?
Clicca qui per recuperarla. 

Regioni

Questo sito prevede l‘utilizzo di cookie. Continuando a navigare si considera accettato il loro utilizzo. Ulteriori informazioniOK