Intimate Bridges un’esperienza intima di integrazione sociale attraverso il teatro.

di

L’esperienza straordinaria del progetto INTIMATE BRIDGES si è conclusa da pochissimi giorni. Mesi intensi di lavoro tra operatori/registi teatrali (Davide D’Antonio e Giuseppina Turra di Residenza IDRA) che hanno dato vita a uno spettacolo pensato e messo in scena nelle case dei bresciani. Un’esperienza intima di integrazione sociale. Sì, perché in scena, a recitare ci sono giovani immigrati presenti sul territorio che, attraverso il teatro, trovano la loro personale modalità di comunicare a noi autoctoni la loro storia, le loro difficoltà, i loro punti di vista, la loro esperienza e visione del mondo che stanno vivendo.

In questa pagina di diario le parole di Giuseppina Turra, che per oltre 8 mesi ha lavorato fianco a fianco con ciascuno di loro, sostenendoli, ascoltandoli, traducendo in teatro il loro sentire.

—–

Incontrare persone è un’esperienza vera come il calore del sole; lasciare che l’incontro accada non è per niente scontato. Incontrare persone che arrivano a noi da lontano, o noi a loro, significa camminare su ponti per raggiungersi, percorrere metà della distanza a testa e in mezzo al ponte, più o meno, conoscersi. O riconoscersi.

In teatro, osservando e lavorando con il gruppo di persone che hanno partecipato alla strabiliante esperienza di Intimate Bridges, mi è capitato di essere facilmente e perfettamente a mio agio nell’incontro. Vaglielo a raccontare che persone così ‘diverse’ fra loro, che non parlano la stessa lingua ecc. ecc. (chiunque può sbizzarrirsi ad aggiungere più o meno lunghi Elenchi delle Differenze) si sono incontrate conosciute e affezionate.

Pensavo che sarebbe stato difficile, pensavo a chissà quali differenze fra noi e loro, pensavo che avrei incontrato forme inedite di dolore che mi avrebbero potuto spaventare, pensavo che avrei dovuto usare cautela. Niente di tutto ciò. Ho fatto esperienza di dignità, intelligenza, creatività e forza. Niente mediazioni: schiettezza su tutta la linea. Schietto anche il ritardo col quale arrivavano all’appuntamento col teatro; schietta la fatica; schietta la parola che scaturiva dal desiderio di riflettere e parlare attorno al tema da loro proposto, quello della corruzione.

Il teatro senza veli di questa esperienza mi ha fatto pensare alla sensazione del calore del sole: quando c’è si sente e lo sentiamo ed è per tutti semplice, naturale.

Giuseppina Turra – Residenza Idra

Regioni

Ti potrebbe interessare

Nadia Rizzini riceve il Premio Incanto della T.E.R.R.A.

di

Sabato 30 novembre, durante gli intensi giorni di Wonderland Festival, abbiamo avuto il piacere di consegnare a Nadia Rizzini il Premio Incanto...

Cambiare idea con la lettura espressiva.

di

Quattro incontri di due ore sulla lettura espressiva, pochissimo tempo. E questa brevità costringe a inventare strade per raggiungere uno scambio profondo...

Il tuo posto nella vita! I ragazzi del Capirola di Ghedi

di

Daniela Visani, regista della messa in scena “Il tuo posto nella vita!” ha raccolto le impressioni “a caldo” dei ragazzi che hanno...

Questo sito prevede l‘utilizzo di cookie. Continuando a navigare si considera accettato il loro utilizzo. Ulteriori informazioniOK