Con #sPOSTati “Io ci sono”: un laboratorio per i bambini sui loro diritti

di

Con la ripresa dell’anno scolastico è importante sottolineare come le attività laboratoriali nelle scuole dell’infanzia debbano essere sempre più volte all’affermazione del bambino come soggetto di diritto e centro della futura vita sociale.

Preservare il diritto di essere bambino non significa soltanto garantirgli protezione ma significa anche costruire un futuro più inclusivo contrastando, così, il dilagare della povertà educativa. Purtroppo, ancora oggi sono milioni i bambini che vivono in situazioni di privazione e sofferenza, tantissimi di loro sotto i nostri occhi ma rischiano di non essere visti o compresi.

Ma un bambino può essere consapevole dei propri diritti? E un bambino consapevole può esprimerli per diffondere il più possibile questa consapevolezza? Assolutamente sì!

Sulla base di questi presupposti, il laboratorio per i bambini della scuola dell’infanzia “Io ci sono” promosso dell’Associazione Mondogira di Este (Padova), si fonda sulla consapevolezza che con l’arte, in un percorso guidato, si riescano ad esprimere in maniera grafica attraverso forme, linee e colori, i punti fondamentali della Convenzione Internazionale sui Diritti dell’Infanzia.

Così, durante l’anno scolastico i bambini hanno giocato, riflettuto e stimolati nella loro creatività e manualità, hanno alimentato sogni e fantasia con la realizzazione di alcuni oggetti tridimensionali, due manufatti estremamente simbolici: un libro pop-up e un cassetto dei sogni.

Il libro rappresenta una piccola carta dei diritti fatta dai bambini per i bambini; un libro pop-up con disegni e nozioni semplificate. Mentre il cassetto è un assemblage nel quale hanno dato vita alle loro aspirazioni e desideri. “Quali sono i miei sogni? E i miei desideri di bambino?”: spinti a riflettere su questi concetti, i bambini lo hanno modellato con tecniche differenti come il collage, la modellazione e la pittura.

 

Il laboratorio ha quindi risposto al quesito: chi meglio dei bambini può parlare ai bambini. Non solo perché il riconoscimento dei propri diritti prevede sin dall’infanzia anche una consapevolezza rispetto a quello che è il proprio ruolo nel mondo. Ma anche perché la performance come forma artistica è certamente una maniera per rendere palese la propria presenza nel contesto sociale di riferimento.

 

Regioni

Ti potrebbe interessare

Con #sPOSTati un’estate di inclusione e divertimento in tutto il Polesine

di

Con la conclusione dell’anno scolastico e l’inizio delle attività estive nel territorio polesano la Cooperativa Titoli Minori, capofila per la provincia di...

Educare nella complessità: due webinar per connettersi alle giovani generazioni

di

CNCA Veneto propone due incontri in videoconferenza con Katia Provantini per esplorare le sfide contemporanee nel campo dell'educazione dei giovani

“Pronto? Ti sento”: un video per allenare l’intelligenza emotiva dei bambini in tempi di Covid-19

di

"Pronto? Ti sento - Una storia d'amicizia ai tempi del Covid-19" è un video realizzato da Titoli Minori nell'ambito dell'azione "Life Boat" per incoraggiare i più piccoli a dar voce alle loro emozioni e far emergere il loro lato creativo in risposta alle difficoltà del distanziamento sociale

Questo sito prevede l‘utilizzo di cookie. Continuando a navigare si considera accettato il loro utilizzo. Ulteriori informazioniOK