DAL 16 AL 18 DICEMBRE, A ROMA, IL SECONDO WORKSHOP NAZIONALE SME

di

Appuntamento all’Auditorium Europa del Bv Oly Hotel di Roma, da giovedì 16 a sabato 18 dicembre, per il workshop di verifica intermedia del progetto triennale “Scacchi Metafora Educativa” (Sme), Progetto selezionato dall’impresa sociale “Con i bambini” nell’ambito del Fondo per il contrasto della povertà educativa minorile e promosso dal Centro sportivo educativo nazionale (Csen) e dalla società sportiva Alfiere Bianco.

Un’iniziativa che, nonostante le difficoltà legate alla pandemia, sta coinvolgendo migliaia di minori in 14 regioni italiane (Sardegna, Sicilia, Calabria, Basilicata, Puglia, Campania, Lazio, Umbria, Abruzzo, Marche, Emilia Romagna, Piemonte, Lombardia, Friuli Venezia Giulia).

Saranno tre giorni intensi di verifica del progetto e di programmazione per il prossimo anno, con il responsabile del progetto Andrea Bruni che aprirà i lavori e presenterà ai partecipanti il report annuale e la programmazione 2022 del progetto condivisa con le singole sedi nelle riunioni di preparazione.

Diversi i relatori che interverranno per ogni tematica su cui si basa il progetto: laboratori con i minori, attività con i genitori, monitoraggio, comunicazione, viaggi, manualistica e pubblicazioni, eventi. I lavori saranno visibili in diretta streaming con un nuovo modello di comunicazione pensato per l’occasione, allo scopo di coinvolgere direttamente i partecipanti e i numerosi rappresentanti delle organizzazioni e scuole partner del progetto. La diretta, dunque, si svolgerà secondo una modalità partecipativa nella quale ogni partecipante avrà il compito di documentare le parti salienti di quanto sta avvenendo nei tre giorni di lavori.

Una sezione del workshop, inoltre, sarà dedicata alla conferenza degli insegnanti di scacchi che apporteranno la loro preziosa esperienza per la pubblicazione di un manuale unico nel suo genere. Gli insegnanti di tutto il territorio nazionale, dopo avere ricevuto una prima traccia di lavoro sul modulo di formazione per la scuola media, hanno sperimentato in questo periodo le attività a scuola e avranno uno spazio dedicato per fare un passo in avanti nella definizione e scrittura del modello che avrà il suo apice nella pubblicazione del libro sull’insegnamento degli scacchi educativi. Infine, sono in programma anche momenti di svago con partite di scacchi e scambi culturali.

Tra i principali relatori dei tre giorni di lavori, moderati da Andrea Bruni, ci saranno Alessandro Dominici di Alfiere Bianco, coordinatore nazionale del Progetto Sme; Giancarlo Santoni, Luigi Pietroluongo e Giulio Frasson del Gruppo sostegno alla genitorialità; Sebastiano Paulesu e Lando Cruciani per la formazione dei docenti.

«E’ stato un anno difficile per tutti ma grazie ad uno straordinario lavoro di squadra con i referenti regionali del progetto e con tutti i professionisti impegnati nel progetto, siamo riusciti a sviluppare la maggior parte delle attività in 30 Istituti scolastici di 14 regioni, coinvolgendo migliaia di studenti e centinaia tra genitori e docenti dice Andrea Bruni -. Ora siamo pronti per affrontare la seconda fase operativa del progetto nel 2022, dove si consolideranno le attività a scuola e nei tanti Club di Scacchi avviati, per arrivare entro fine anno a realizzare un Centro stabile di promozione educativa in ogni regione gestito da una Rete educativa scacchi».

 

 

Regioni

Ti potrebbe interessare

Partite le attività scolastiche in presenza

di

Le difficoltà che sta vivendo il Paese, hanno rallentato anche le attività nella scuola primaria di primo e secondo grado. Non è...

Presentazione Progetto SME: le associazioni scacchistiche coinvolte

di

Sabato 28 novembre 2020, dalle 15,30 alle 18,30, con una diretta video trasmessa in contemporanea sulle pagine Facebook dell’Ufficio Progetti CSEN e...

PUBBLICATE LE GUIDE ALL’INSEGNAMENTO DEGLI SCACCHI

di

Dopo mesi di lavoro da parte di due gruppi di esperti, sono state pubblicate le bozze dei manuali “Crescere con gli Scacchi”,...