Scalea, mamme e papà protagonisti a scuola e sul territorio con il progetto S.C.AT.T.I.: nasce il Comitato Genitori

di

COMUNICATO STAMPA

Papà e mamme al fianco di ragazze e ragazzi, per superare le difficoltà, identificare i problemi e costruire una scuola sempre più sicura e accogliente, anche e soprattutto in un momento così difficile come quello della pandemia. È il Comitato Genitori Scalea dell’IC Caloprese che ora si è formalmente costituito nell’ambito di un percorso iniziato ormai oltre due anni fa con S.C.AT.T.I., progetto nazionale finanziato dall’impresa sociale Con i Bambini nell’ambito del Fondo per il contrasto della povertà educativa minorile, che coinvolge 27 partner tra enti locali, scuole e organizzazioni di terzo settore con ente capofila la Cooperativa Sociale E.D.I. – Educazione ai Diritti dell’Infanzia e dell’Adolescenza. L’acronimo S.C.AT.T.I. sta per Scuola, Comunità, Attivazione, Territori, Innovazione: cinque parole chiave che rappresentano i punti cardine del progetto.

Il Comitato Genitori Scalea nasce da uno degli obiettivi primari di S.C.AT.T.I.: stringere l’alleanza educativa tra adulti di riferimento degli alunni delle scuole coinvolte, attraverso la creazione e il rafforzamento dei comitati dei genitori. Il comitato genitori sarà così il luogo e il modo di migliorare il dialogo tra scuola e famiglie, costruendo un clima maggiormente collaborativo.

Tutto comincia a gennaio 2019 , con il progetto S.C.AT.T.I. che avvia assieme ai genitori un percorso improntato sulla formazione e basato su tre assi: educazione alla genitorialità positiva, uso delle tecnologie digitali, impegno civico e protagonismo genitoriale. Oltre alla formazione, si lavora sulla partecipazione, con il volontariato nelle azioni di progetto in affiancamento allo staff e l’attivazione di una rete genitoriale solidale e proattiva in affiancamento alla scuola, soprattutto nei periodi di didattica a distanza.

La costituzione del comitato ha in realtà formalizzato quel che già da tempo si era strutturato in una rete attiva e collaborativa grazie all’Associazione Gianfrancesco Serio presente già da anni sul territorio, rete che ha trovato nel progetto S.C.AT.T.I. il contenitore e l’occasione per mettersi in gioco ed entrare a pieno titolo nell’alleanza educativa con la scuola e con le agenzie presenti a Scalea.

“La mia esperienza è iniziata nel 2019, quando abbiamo creato un gruppo di mamme attive con la voglia di cambiare e rinnovare la scuola – spiega Angela, una delle volontarie del progetto – Grazie a S.C.AT.T.I. ed a Save the Children, insieme all’associazione Gianfrancesco Serio, è stato possibile realizzare dei disegni sui muri della scuola e di renderla più bella. Vedere gli occhi dei bambini felici prima di entrare a scuola è stata un’esperienza bellissima e ci ha spinto a voler fare di più. Ecco perché io e le altre mamme abbiamo deciso di formalizzare un Comitato Genitori vero. Per prenderci cura di questi bambini e ragazzi affinché possano andare in una scuola sicura, accogliente e principalmente non sentirsi soli nel loro percorso educativo. Fare sì che non ci siano più pregiudizi e discriminazioni tra alunni e tra genitori, perché quello che noi vogliamo è creare appunto un gruppo unito e collaborativo. Fare da portavoce dei problemi che a volte noi non vediamo, ma che gli alunni vedono. Cercare di risolvere la maggior parte di questi problemi è il nostro obiettivo.”

Il nucleo formato dai genitori maggiormente impegnati nel percorso di S.C.AT.T.I. ha portato alla creazione del Comitato Genitori dell’I.C. Caloprese di Scalea, che ha da subito ricevuto nuove richieste di adesione e mira a diventare quanto più rappresentativo della comunità genitoriale scaleota.

La nascita del comitato è stata preceduta da una serie di incontri, svolti rigorosamente online, che hanno portato alla scrittura dello statuto, con il supporto dell’associazione Gianfrancesco Serio in collaborazione con Save The Children, ed alla assegnazione, per votazione, dei vari ruoli: presidente-portavoce, referente rapporti scuola primaria e referente secondaria, referenti attività di volontariato, eccetera.

“Esprimo enorme soddisfazione, in qualità di presidente e a nome dei genitori che hanno aderito all’iniziativa, per la costituzione del comitato – ha commentato Tiziana Forestieri, presidente del Comitato – Mi corre l’obbligo di ringraziare l’associazione Gianfrancesco Serio, nonché Save the Children, per il sostegno ed il contributo fattivo. La nascita del comitato dei genitori, infatti, è frutto di un lavoro condiviso e partecipato. Dopo i vari incontri, che sono stati occasione di confronto costruttivo, siamo riusciti a portare a compimento questo progetto. Adesso, auspichiamo che il comitato dei genitori possa diventare utile strumento di collaborazione con le istituzioni scolastiche e di crescita per l’intera comunità.”

Il Comitato Genitori Scalea punta a ribadire il ruolo dei papà e delle mamme nel percorso educativo dei propri figli: quello di pilastro, assieme a studenti e docenti, della Comunità Educante. In questo modo, la voce dei genitori potrà essere tenuta in considerazione in maniera strutturata e costante in tutto il processo di pianificazione educativa territoriale avviato.

Lo stesso percorso sta per essere replicato a Praia a Mare, con un nucleo di 18 genitori di studenti dell’Istituto Comprensivo locale che stanno riflettendo sull’opportunità di costituirsi in comitato. Il prossimo passo sarà la condivisione con una platea più allargata per decidere come proseguire l’esperienza avviata con il progetto S.C.AT.T.I.

Regioni

Ti potrebbe interessare

Palermo, Orto Capovolto colora di verde la città

di

Strumento di lotta ai cambiamenti climatici, relax per la mente e per il corpo, autoproduzione di prodotti alimentari a KilometroZero: cresce sempre...

E-ducazione ai tempi di internet: la sfida di S.C.AT.T.I. per crescere cittadini digitali

di

“L’accesso ad Internet è diritto fondamentale della persona e condizione per il suo pieno sviluppo individuale e sociale” (Dichiarazione dei Diritti in...

Scalea e Praia a Mare: genitori e ragazzi condividono emozioni per superare la pandemia e gettano le basi per un’alleanza educativa

di

Condividere le emozioni per innescare il cambiamento e aiutare bambini e bambine, ragazze e ragazzi, a crescere, superando difficoltà scolastiche e personali,...

Questo sito prevede l‘utilizzo di cookie. Continuando a navigare si considera accettato il loro utilizzo. Ulteriori informazioniOK