Posa della prima pietra del centro “Sa Domu Pitticca”: ascolto, presa in carico e sostegno alla genitorialità

di

Arriva da Cagliari una risposta concreta di amore e sostegno per minori e famiglie in difficoltà. Nasce il progetto “Sa Domu est Pitticca, su coru est Mannu”; progetto che prende il nome da un bellissimo detto sardo che significa “la casa è piccola, il cuore è grande”, in riferimento allo spirito ospitale di chi non è interessato alle dimensioni della propria casa, bensì alla disponibilità e alla capacità di accogliere chi è in difficoltà.

Questa importante iniziativa è dedicata ai bambini e ai ragazzi dai 5 ai 14 anni e alle rispettive famiglie (naturali, affidatarie o adottive) dei quartieri a basso tasso di inclusione sociale di Cagliari, che vivono in condizioni di grave povertà educativa, nei propri percorsi scolastici e di vita. A loro, un’equipe di professionisti, offrirà un aiuto psicologico, attraverso percorsi di accoglienza e integrazione. 

Ascolto, presa in carico e sostegno alla genitorialità

Tutte le azioni previste dal progetto prevedono, infatti, diversi tipi di intervento: dall’ascolto individuale e di gruppo, fino a programmi di sostegno alla genitorialità. E poi, ancora: dall’inclusione socio-lavorativa, alle più svariate attività di sensibilizzazione e prevenzione tramite iniziative culturali che si svolgeranno dentro e fuori le scuole e che si concretizzeranno nel nuovo Centro “Sa Domu Pitticca”.

Un punto di riferimento per i bambini e le famiglie di Cagliari

“Sa Domu Pitticca” sorgerà a settembre e sarà uno spazio di supporto e cura per i minori e le famiglie. Un Centro di coordinamento unico che, attraverso l’attivazione di alcune antenne territoriali tra cui scuola, servizi sociali del Comune, centri territoriali e comunità, garantirà percorsi di presa in carico per i nuclei a rischio di povertà educativa. L’obiettivo è quello di intercettare, tempestivamente, le situazioni di maggiore fragilità per offrire ai bambini il diritto ad essere tutelati e a mantenere, se possibile, le relazioni con gli adulti per loro significativi. Ma non solo. Il Centro prevede anche azioni di intervento nelle emergenze, come episodi di maltrattamento o abuso attraverso l’ascolto e la cura specialistica, necessari per limitare le gravi conseguenze psicologiche. Lo scorso 23 novembre è stata celebrata, infatti, la posa della prima pietra della nuova struttura, alla presenza dei Partner di progetto.

Un importante lavoro di rete

“Sa Domu Pitticca”, intende supportare ed integrare il lavoro svolto dalle Asl, dai Servizi Sociali, dal Tribunale per i minoridalla Procura, dal Centro Affidi, dal Garante Regionale dell’Infanzia e dell’Adolescenza, formando con tutti gli operatori coinvolti una rete di intervento ad hoc, attraverso una vera e propria sinergia con le diverse competenze professionali.

Il progetto si avvale del prezioso supporto del Prof. Cancrini, direttore scientifico delle comunità Domus de Luna, psichiatra e psicoterapeuta. Collaboreranno, inoltre, Human Foundation Giving and Innovating Onlus, l’Associazione Il Portico 2005, Federazione Isperantzia Onlus, Buoni e Cattivi Coop. Soc. Onlus, Casa delle Stelle Onlus, Istituto Comprensivo Pirri1 Pirri 2.

“Sa Domu est Pitticca, su Coru est Mannu” è approvato dall’Impresa Sociale Con i Bambini ed è sostenuto grazie al “Fondo per il contrasto della povertà educativa minorile”. La Fondazione Domus De Luna è capofila, la Fondazione Francesca Rava N.P.H. Italia Onlus è partner principale.

Il progetto sarà realizzato in sinergia con il Comune di Cagliari, nello specifico con l’Assessorato ai Servizi Sociali che svolge il ruolo di “antenna territoriale”, e con il Centro Exmè che metterà a disposizione i propri spazi per laboratori, attività ed eventi. Grazie al prezioso sostegno del corporate partner Gruppo EcoEridania.

Questo sito prevede l‘utilizzo di cookie. Continuando a navigare si considera accettato il loro utilizzo. Ulteriori informazioniOK