Comunicare oltre le parole

di

I ragazzi del Laboratorio Teatrale impegnati con le maschere

Fabio Guastella, Abaco – Il Teatro Conta, ci racconta uno degli importanti appuntamenti con il Laboratorio Teatrale di Ri-Belli. Con l’uso, questa volta, delle maschere.

“Abbiamo iniziato, come sempre, con la dizione, poi abbiamo proseguito con gli esercizi che ci accompagnano ogni volta, e infine abbiamo regalato le maschere ai ragazzi.

In questa occasione abbiamo anche rivisto tutte le figure della Commedia dell’Arte, e successivamente abbiamo ripreso delle gag che i ragazzi stessi hanno improvvisato, ricorrendo al Grammelot.

Si tratta di una lingua nonsense ma che attraverso l’uso anche di sole vocali o consonanti, e al modo di articolare le espressioni, al colore della voce, alle emozioni che si comunicano, diventa universale, perchè permette al pubblico di capire e di ricevere una comunicazione efficace, al di là delle parole.

Ed è stata una esperienza molto interessante e vissuta con entusiasmo e attenzione dai ragazzi.

Poi, ci siamo dedicati all’uso delle maschere. Ovviamente, questo è uno strumento che copre e quindi costringe il corpo a comunicare oltre le semplici parole, ed espressioni del viso. Ci vuole tecnica e bravura; i ragazzi hanno ricevuto, in questo senso, una prima infarinatura, e alcune nozioni generali, che, ne sono certo, in vista della preparazione dello spettacolo, saranno utilissime per loro e per il loro impegno di fronte al pubblico.

Regioni

Ti potrebbe interessare

La scuola: crescere per non perdersi

di

L'istituto "Cap. B. Puglisi" di Acate in campo con "Ri-belli". "Un punto di riferimento per tutta la comunità, anche come istituzione che avvicina le famiglie della scuola"

Ri-Belli, un percorso di crescita insieme

di

L'attività dell'equipe impegnata nell'istituto Psaumide di Santa Croce Camerina. Numerosi i risultati ottenuti, tante le iniziative in programma da settembre

Ri-Belli per abitare, un nuovo inizio

di

Un servizio housing first dedicato a 20 minori e alle loro famiglie. Valentina Distefano e Fabrizia Macca ce ne parlano

Questo sito prevede l‘utilizzo di cookie. Continuando a navigare si considera accettato il loro utilizzo. Ulteriori informazioniOK