Comunicare oltre le parole

di

I ragazzi del Laboratorio Teatrale impegnati con le maschere

Fabio Guastella, Abaco – Il Teatro Conta, ci racconta uno degli importanti appuntamenti con il Laboratorio Teatrale di Ri-Belli. Con l’uso, questa volta, delle maschere.

“Abbiamo iniziato, come sempre, con la dizione, poi abbiamo proseguito con gli esercizi che ci accompagnano ogni volta, e infine abbiamo regalato le maschere ai ragazzi.

In questa occasione abbiamo anche rivisto tutte le figure della Commedia dell’Arte, e successivamente abbiamo ripreso delle gag che i ragazzi stessi hanno improvvisato, ricorrendo al Grammelot.

Si tratta di una lingua nonsense ma che attraverso l’uso anche di sole vocali o consonanti, e al modo di articolare le espressioni, al colore della voce, alle emozioni che si comunicano, diventa universale, perchè permette al pubblico di capire e di ricevere una comunicazione efficace, al di là delle parole.

Ed è stata una esperienza molto interessante e vissuta con entusiasmo e attenzione dai ragazzi.

Poi, ci siamo dedicati all’uso delle maschere. Ovviamente, questo è uno strumento che copre e quindi costringe il corpo a comunicare oltre le semplici parole, ed espressioni del viso. Ci vuole tecnica e bravura; i ragazzi hanno ricevuto, in questo senso, una prima infarinatura, e alcune nozioni generali, che, ne sono certo, in vista della preparazione dello spettacolo, saranno utilissime per loro e per il loro impegno di fronte al pubblico.

Regioni

Ti potrebbe interessare

Ri-Belli, senso di appartenenza

di

Veronica Scribano, cooperativa Aksara, ci parla dei primi mesi di attività nella ludoteca La Pannocchia. All'insegna del senso di appartenenza

Un laboratorio per “vivere” le emozioni

di

I partecipanti del Laboratorio Teatrale di "Ri-Belli", organizzato da Abaco - Il Teatro Conta, raccontano i primi incontri. Le loro impressioni ed emozioni, nel loro racconto

Ri-Belli, per essere speciali

di

Francesca Castiglione, I Tetti Colorati Onlus, ci parla dell'incontro con Elisa Alescio, che si occuperà di scenografia e costumi dello spettacolo del Laboratorio Teatrale, in programma il 26 marzo