La “stoffa” di “Ri-Belli” per il Teatro

di

Al via il Laboratorio Teatrale del Progetto Ri-Belli

Fabio Guastella, associazione Abaco-Il Teatro Conta, ci parla del primo appuntamento con il laboratorio teatrale organizzato all’interno del Progetto Ri-Belli, che si è svolta martedì. Un momento che ha visto, come sottolinea lo stesso Fabio, la grande attenzione ed entusiasmo mostrata, fin da subito, dai partecipanti all’iniziativa.

“Il laboratorio è andato benissimo. Il gruppo, al momento, è di otto ragazzi, ma se ne aggiungeranno presto altri. Il gruppo è molto eterogeneo, soprattutto rispetto al fatto che sono presenti età differenti.

Bellissimo approccio da parte di tutti i ragazzi, si sono messi in gioco e hanno espresso con il loro corpo tutto quello che gli veniva chiesto, ma ad avermi colpito particolarmente è l’approccio, corretto, quello che ci vuole quando si partecipa ad un laboratorio teatrale.

Riescono, infatti, ad immedesimarsi immediatamente nelle varie emozioni: abbiamo lavorato tantissimo sulla rabbia, sulla felicità e sulla tristezza. E ho chiesto, nel corso del primo appuntamento, più volte, di fare delle camminate, o di avere degli atteggiamenti, arrabbiati o tristi, o felici e loro riuscivano a passare tranquillamente da un’emozione all’altra.

Sono davvero molto contento, quindi, perchè questo gruppo ha la stoffa per costruire qualcosa di davvero prezioso. Intanto abbiamo cominciato e lo abbiamo fatto al meglio”.

Regioni

Ti potrebbe interessare

L’educazione al “Bello Naturale”

di

La cooperativa Aksara impegnata nel progetto Ri-belli. L'educazione al "Bello Naturale", impegno prioritario, nell'ottica dei servizi garantiti dall'equipe multidisciplinare della cooperativa che opererà all'interno degli istituti scolastici coinvolti

Bellezza e verità da “riscoprire”

di

Domani alle 11 la conferenza stampa di presentazione del Progetto "Ri-Belli", che coinvolge il Centro Storico di Ragusa e le aree rurali di Acate e Santa Croce Camerina

La bellezza oltre ogni confine

di

Laboratorio fotografico Ri-Belli, Andrea Martorana ci racconta la seconda escursione alla Foce del Fiume Dirillo

Questo sito prevede l‘utilizzo di cookie. Continuando a navigare si considera accettato il loro utilizzo. Ulteriori informazioniOK