Le emozioni? Conosciamole insieme!

di

 

Il mostro dei colori è di umore strano, è  confuso

stralunato, che cosa gli succede?

Le sue emozioni sono tutte mescolate e non funzionano

 Lo aiutiamo a metterle in ordine?

Anna Llenas, “I colori delle emozioni”

 

 

Una delle attività di Estate Insieme – l’iniziativa del progetto Radici di Comunità che si è svolta a Roma, nel V Municipio – sono stati i laboratori “Narrazione ed emozioni”, svolti nei pomeriggi di luglio: il giovedì  nella ludoteca “Casa delle Arti e del gioco” a via Policastro e il venerdì nei casali Falchetti e Garibaldi di Centocelle.

Si è trattato di laboratori esperienziali, rivolti ai bambini tra 6 e 11 anni, organizzati dal Ce.R.F.(Centro Ricerche sulla Famiglia) e condotti dai dottori Mihaela Cojocaru, Massimiliano Marciano e Giacomo Pittelli, in Via Policastro; dalle dottoresse Marisa Oliva, Silvia Fabbretti e Sara Sangiorgi, a Casale Falchetti.  L’obiettivo era offrire uno spazio in cui i bambini – attraverso attività ludiche come disegno, racconto o costruzione di una storia – potessero esprimere e raccontare le emozioni: come riconoscerle, gestirle e ritagliare il proprio spazio all’interno di un gruppo.

 

Raccontare le emozioniConoscere e raccontare le emozioni

I laboratori erano strutturati in modo da lavorare a piccoli passi, rispettando tempi e modalità di ciascun bambino nell’inserirsi nel gruppo di lavoro, avere uno spazio proprio dove raccontare liberamente le proprie emozioni e riconoscere quelle dell’altro attraverso attività ludiche: su empatia ed intelligenza emotiva, giochi sul linguaggio del corpo, sui propri vissuti, sulle emozioni negative che vanno riconosciute e vissute, sulle competenze sociali.

I bambini, partecipando agli incontri, hanno preso contatto con le proprie emozioni – imparando insieme a distinguerle e riconoscerle – lavorando anche su quelle più complesse, per esempio quelle legate alla vergogna che, incomprese, possono divenire fonte di senso di inadeguatezza. Ampio spazio è stato dedicato alla narrazione personale, al racconto delle proprie vite, attraverso i personaggi e le storie raccontate in gruppo.

Il laboratorio delle emozioni è divenuto un momento di condivisione e confronto anche sui momenti più intimi, come quelli familiari. La recente situazione emergenziale ha avuto un impatto emotivo notevole sulle nostre vite e su quelle dei nostri bambini. Nei gruppi sono emersi  stati emotivi come paura, rabbia e angoscia. Nel marasma di questi ultimi tempi, i bambini avevano bisogno di uno spazio in cui potersi esprimere e sentirsi ascoltati, nel quale la confusione emotiva potesse lasciare il posto a una maggiore comprensione.

 

raccontare le emozioniUn’esperienza significativa

In conclusione, possiamo dire che il laboratorio è stata un’esperienza significativa per i bambini.

Dal punto di vista delle relazioni abbiamo visto i legami tra i partecipanti rinsaldarsi, incontro dopo incontro. Era evidente il loro bisogno di tornare a far parte di un gruppo in cui potessero dialogare, apprendere, costruire insieme all’altro una storia a più mani.

Tutto ciò ha avviato un processo trasformativo del gruppo e dei singoli, rimettendo in moto aspetti del mondo interno bloccati dai contesti limitati, in cui i bambini sono stati obbligati a vivere nel periodo del lock-down.

Il feedback è stato molto positivo: disponibili a mettersi in gioco, i bambini hanno acquisito consapevolezza delle proprie abilità e fragilità. Alla fine di ciascun incontro chiedevano quando sarebbero tornati, cosa avrebbero fatto nell’incontro successivo. Ogni volta hanno portato a casa un prodotto sul  tema delle emozioni, insieme ad una cartellina colorata in cui raccogliere i ricordi.

Regioni

Ti potrebbe interessare

Radici e ri-partenze

di

Di nuovo al lavoro per combattere la povertà educativa La scuola ricomincerà a breve, gli insegnanti si incontrano per programmare le attività...

Ognuno ha delle risorse, bisogna riuscire a tirale fuori

di

Lavorare sulle emozioni, per affrontare questo momento di emergenza: anche la comunità educante ne ha bisogno, non solo i bambini. Nell’Istituto Comprensivo...

Un Comitato Locale Integrato per costruire comunità educante

di

  Si chiamano Nuova Latina e Nascosa, ma sono meglio conosciuti come Q4 e Q5. Sono due quartieri di Latina, popolati di...

Questo sito prevede l‘utilizzo di cookie. Continuando a navigare si considera accettato il loro utilizzo. Ulteriori informazioniOK