PRIMA I a Manfredonia: “La Psicomotricità come strumento di conoscenza e valorizzazione del sè”

di

Il 2020/21 è stato un anno caratterizzato da incertezze ,preoccupazioni e cambiamenti nello stile di vita, che hanno obbligato a rinunce richiedendo significativi adattamenti. Ciò ha coinvolto tanto gli adulti, ma soprattutto i bambini, che hanno affrontato l’isolamento, cambiamenti delle proprie routine, allontanamento dai pari e dall’ambiente scolastico, interruzione delle attività sportive, ecc. Faticoso è stato l’impegno dei genitori per alleggerire tali situazioni, non risultando spesso semplice. La pratica psicomotoria, proprio per le caratteristiche che la contraddistinguono, si rivela uno strumento efficace per accompagnare i bambini in questo periodo particolare e spesso complicato.

Durante gli incontri di psicomotricità attivati dal progetto PRIMAI di Manfredonia all’interno delle “Officine dei Sorrisi”, i bambini stanno riscoprendo la possibilità di correre, saltare, fare capriole, sperimentare le proprie possibilità motorie a 360°. I bambini stanno riscoprendo sé stessi, le proprie capacità e i propri limiti, stanno imparando a conoscere lo spazio che li circonda, fatto di alto-basso, vicino-lontano, dentro-fuori.

Attraverso il gioco ed il movimento i bambini stanno imparando a confrontarsi con i pari, ad ascoltare, condividere, scontrarsi e risolvere i conflitti, affermare sé stesso ed accogliere l’altro.

In un periodo in cui le relazioni interpersonali sono ristrette al minimo ecco che avere la possibilità di fare esperienza in un contesto come quello presente sul territorio di Manfredonia che consente ai bambini di mettere al centro proprio la persona è sicuramente un’esperienza arricchente per i bambini.

All’interno dei laboratori di psicomotricità, i bambini stanno avendo la possibilità di esprimere i propri vissuti, mettere in gioco le proprie paure, affrontare i suoi fantasmi, in un contesto protetto, e attraverso il gioco, guidati nel vivere queste sensazioni, comprendendole e affrontandole al meglio.

Vivendo queste situazioni all’interno del gioco, con la guida del terapista, il bambino impara gradualmente a fare ordine anche dentro di sé.

Questi, ogni giorno, sono gli aspetti di orgoglio di questo progetto: di vedere i bambini dover affrontare qualcosa che per loro inizialmente è sconosciuto e difficile, e ritrovarsi a fine giornata ad aver preso confidenza con quel qualcosa che sembrava impossibile, che fosse un attrezzo o un’attività nuova, e svolgerla con semplicità.

 

 

Regioni

Argomenti

Ti potrebbe interessare

Manfredonia, bambini entusiasti dei laboratori di psicomotricità: “Terreno fertile su cui lavorare e impiantare radici profonde”

di

A Manfredonia l’associazione sportiva “Stelle Della Daunia” si  sta occupando della gestione dei laboratori di psicomotricità nelle scuole facenti parte della rete del progetto P.R.I.M.A....

A Manfredonia nel laboratorio di psicomotricità “spicchiamo il volo”

di

Di Barbara Prencipe – L’ A.S.D. Stelle della Daunia all’interno del progetto P.R.I.M.A.-I. si occupa del laboratorio di psicomotricità, che lavora con i...

FESTIVAL PRIMA I 2021: In Puglia, Calabria e Lazio settimana di eventi ispirati al “Gioco”

di

COMUNICATO STAMPA –Il progetto nazionale “PRIMA I”, selezionato dall’impresa sociale Con i Bambini nell’ambito del Fondo per il contrasto della povertà educativa...

Questo sito prevede l‘utilizzo di cookie. Continuando a navigare si considera accettato il loro utilizzo. Ulteriori informazioniOK