“Insieme a te posso farcela”: racconto dal laboratorio di psicomotricità di Sora

di

Contributo a cura di Ilenia D’Amico* – Si inizia il laboratorio di Psicomotricità: ci sono tante cose da fare, tanti movimenti da effettuare, indicazioni da ricordare e se per la maggior parte dei bambini può risultare semplice per altri può non essere così; altri già da piccoli possono sperimentare una certa “ansia da prestazione”; possono essere imbarazzati dall’aver un “pubblico” che assiste alla loro performance, possono essere impauriti dalla possibilità di sbagliare e, magari, di risultare ridicoli e goffi agli occhi degli altri, possono perfino arrivare a sentirsi inferiori e, di conseguenza, rifiutarsi di “mettersi in gioco”.

Nello spazio di psicomotricità si rispettano le volontà di tutti i bambini ma, alcune volte, come in questo caso, si può immaginare che, in realtà dietro la resistenza, ci sia la voglia di fare l’esercizio ma, forse, in maniera diversa; allora bisogna abbassarsi al livello del bambino e chiedersi: “cosa potrà farlo sentire più a suo agio?” F. è stata incoraggiata dalla maestra a fare il percorso con lei ma non era ugualmente disposta; la soluzione trovata non sembrava metterla a proprio agio.

Riflettendoci un attimo su le ho proposto di farlo insieme ad un’amica; lei, sorpresa, ha accettato e la compagna, dal canto suo, è stata felicissima di poter rifare il percorso ed aiutarla; al termine di questo entrambe sorridevano e, nel corso dell’ora, F. si è sciolta sempre di più dimostrando di diventare sempre più autonoma e sicura di sé. Questo episodio mette in evidenza come il sostegno debba essere sempre personalizzato e come, spesso, l’adulto debba intervenire in maniera indiretta sfruttando il sostegno del gruppo dei pari mettendone, così, in evidenza le possibilità adattive e funzionali a scopi compatibili con il concetto di “promozione del benessere” piuttosto che gli aspetti devianti che gli si connotano soprattutto una volta raggiunta la pubertà.

*Associazione “Il Faro ODV”

Regioni

Argomenti

Ti potrebbe interessare

A Sora torneo di calcetto genitori figli: “Con lo sport rimettiamo al centro i legami e la comunità”

di

Una sperimentazione di successo, una giornata di festa che ha coinvolto diverse generazioni. Questo e molto di più è stato il Torneo...

PRIMA I a Sora: Famiglie ospiti speciali al match Globo Argos Volley Emma Villas Siena

di

COMUNICATO STAMPA – Dalla collaborazione tra il Progetto PRIMAI (Promuovere le Risorse per l’Infanzia Mediante Approcci Innovativi)-  selezionato da Impresa sociale con...

Edizione speciale “Sabato del villaggio”: nonni e bambini protagonisti delle Ludolimpiadi a Sora

di

Comunicato stampa – Anche P.R.I.M.A. I. alle Ludolimpiadi di Sora, svoltesi ieri ed organizzate dalla ludoteca “La Fortezza dei sogni”.  Per l’edizione speciale...

Questo sito prevede l‘utilizzo di cookie. Continuando a navigare si considera accettato il loro utilizzo. Ulteriori informazioniOK