Percorsi con i bambini

Psicomotricità, all’IC Giordani-De Sanctis (plesso Fieramosca): “Impariamo dagli animali”

di

Di Barbara Prencipe* – L’A.S.D. Stelle della Daunia all’interno del progetto P.R.I.M.A.-I. si occupa del laboratorio di psicomotricità, che lavora con i più piccini delle scuole aderenti al progetto e cioè con i bambini di tre anni.

Il nostro laboratorio ruota attorno al tema degli “animali”. In particolare nel mese di Febbraio nell’I.C. Giordani De Santis plesso Fieramosca, abbiamo utilizzato l’elefante, come animale di riferimento. Durante la prima lezione dopo una fase di riscaldamento, mi sono seduta con i bambini e gli ho iniziato a parlare dell’elefante e  letto una filastrocca su quest’ultimo.

La cosa bella è stata la partecipazione entusiasmante dei bambini, che subito hanno espresso ognuno un proprio pensiero, qualcuno mi ha detto: “L’elefante è come Dumbo!” Oppure: “E’ quello con la proboscide!” O ancora: “L’elefante ha le orecchie grandi grandi! Dopo questo momento di dialogo, ho chiesto loro di iniziare a camminare tutti come elefanti, accompagnati dalla musica Alifante Blues.

In seguito ho creato per loro un percorso, formato da: bastoni per creare un tragitto da percorrere, coni da superare eseguendo lo slalom ed infine mattoncini da oltrepassare senza essere toccati. Tutto ciò è stato svolto eseguendo l’andatura dell’elefante, prima un bambino alla volta, in ordine, superando un attrezzo dopo l’altro (gioco strutturato), poi, tutti insieme (gioco non strutturato), dove ogni bambino può scegliere di eseguire il percorso in un ordine qualsiasi.

La cosa interessante è stata l’accoglienza ricevuta alla lezione successiva. Appena arrivata, i bambini non vedevano l’ora di iniziare e in coro mi chiedevano: “Facciamo l’elefante come l’altra volta?”. In effetti ho notato che il tema degli animali piace molto ai bambini e quindi è molto efficace, perché permette loro di apprendere capacità motorie attraverso il gioco e l’immaginazione, ad esempio camminiamo come elefanti, strisciamo come serpenti, saltiamo come rane, ecc…

Inoltre ho osservato che ripetendo il programma della lezione precedente in quella successiva, apportando delle modifiche al percorso, rendendolo più difficile, i bambini erano già più agili nel superare gli attrezzi, rendendosi in questo modo più sicuri di sé e delle proprie capacità motorie.

 

*Responsabile laboratorio Psicomotricità Manfredonia

Regioni

Argomenti

Questo sito prevede l‘utilizzo di cookie. Continuando a navigare si considera accettato il loro utilizzo. Ulteriori informazioniOK