“Teatro Spazio delle Emozioni” al plesso Fieramosca dell’IC Giordani – De Sanctis: Impariamo dalle favole

di

Sono ripartiti nei mesi scorsi i laboratori di “Teatro Spazio delle Emozioni” nelle scuole partner del progetto PRIMA I Manfredonia. Tra queste anche l’Istituto Comprensivo Giordani-De Santis ed il plesso E.Fieramosca. Ecco di seguito le relazioni elaborate dagli operatori Filomena Ferri e Fabio Trimigno della Compagnia teatrale “Bottega degli Apocrifi” che ci raccontano un nuovo percorso ricco di emozioni con i bambini.

Il primo incontro di laboratorio, presso il plesso Ettore Fieramosca dell’I.C. Giordano – De Sanctis, si è temuto con un gruppo composto da 16 bambini di 5 anni appartenenti alle sezioni A, B e C.

Abbiamo declinato le attività di ingresso in un training iniziale, cercando di costruire pian piano il gruppo di lavoro: dinamiche ritmiche, corpo in movimento nello spazio, sono stati gli ingredienti che ci hanno permesso di creare una relazione tra noi guide del laboratorio e i bambini.

Il momento di condivisione dei racconti e delle fiabe si è sviluppato sul gioco, sul travestimento, espressisi nella fiabe Cappuccetto Rosso: il lupo che raggira la piccola Cappuccetto Rosso per poter raggiungere, prima di quest’ultima, la nonnina; il lupo che indossa i vestiti della nonnina dopo averla divorata, e che riesce ad ingannare Cappuccetto Rosso, divorando anche lei…Il viaggio come mezzo di crescita, cercando di superare i pericoli; la capacità e l’incapacità di riconoscere i pericoli, la possibilità di trasformarsi…saranno tutti argomenti che ci aiuteranno a circoscrivere un nuovo percorso del laboratorio “Spazio Teatro delle Emozioni”, condividendo con le insegnanti di riferimento obiettivi, finalità e modalità”.

IL RIASSUNTO DELLA LEZIONE CON LE FAVOLE DEI FRATELLI GRIMM

“L’incontro ha avuto il suo inizio con una grande attenzione e desiderio da parte dei bambini coinvolti. L’attività fisica è stata guidata al fine di avvicinarli ad uno dei racconti dei fratelli Grimm – prosegue il racconto degli operatori del Laboratorio Teatro Spazio delle Emozioni di PRIMA I a Manfredonia –La favola in questione è “La signora Holle” che trova punti di congiunzione cn il percorso intrapreso dalle insegnanti nel programma scolastico “Alice nel paese delle meraviglie”, e cioè lo scorrere del tempo, la scoperta di un mondo sconosciuto, e le prove da superare.

La favola è stata in parte letta e in parte spiegata nei dettagli con la partecipazione attiva dei bambini che intervenivano raccontando anche episodi personali e concreti.

La fanciulla laboriosa del racconto è stata definita dai bambini come una bambina buona, brava e volenterosa. Da qui i loro racconti di come spesso aiutano la mamma nelle faccende domestiche: il bucato, fare i dolci, pulire i vetri,…

La fanciulla pigra invece è stata definita come una bimba monella e svogliata”.

Regioni

Argomenti

Questo sito prevede l‘utilizzo di cookie. Continuando a navigare si considera accettato il loro utilizzo. Ulteriori informazioniOK