Una scuola condivisa: i rappresentanti di classe come ponte fra scuola e famiglia

di

Il racconto del percorso di confronto a Borgo San Dalmazzo con il progetto Pari e Dispari

 

Il progetto Pari e Dispari, selezionato da Con i Bambini nell’ambito del Fondo nazionale per il contrasto della povertà educativa minorile e realizzato dalla Cooperativa sociale Emmanuele in collaborazione con 50 organizzazioni partner, chiude il 2021 con numerose attività a sostegno dei minori in provincia di Cuneo.

Una in particolare merita un focus di attenzione. Siamo a Borgo San Dalmazzo nell’Istituto Comprensivo Grandis dove genitori e insegnanti si sono incontrati per confrontarsi su come immaginare insieme una scuola in cui dialogare insieme per la crescita e il benessere dei bambini. Da questo primo percorso avvenuto in primavera nasce l’idea di incontrarsi tra rappresentanti dei genitori delle varie classi e sezioni dell’istituto, per riflettere sul significato e le funzioni del ruolo di mediazione che ricoprono. Da ottobre 2021 vengono così attivati alcuni incontri, facilitati da Enrico Santero – sociologo e counsellor della Cooperativa Emmanuele – per dialogare sul ruolo del rappresentante dei genitori e per poi immaginare insieme nuove idee e proposte.

I 40 genitori coinvolti, durante gli incontri, hanno a lungo parlato di quanto sia complesso il ruolo del rappresentante, fatto spesso di equilibrismi e di mediazione. I rappresentati raccolgono istanze, bisogni e si trovano spesso a ricoprire un vero e proprio ruolo di mediazione tra scuola e famiglia. Al tempo stesso ricoprono funzioni di “operatori informali” a supporto di famiglie in difficoltà, che hanno bisogno di aiuto nella comprensione della lingua o di alcuni meccanismi burocratici complessi. Il rappresentante dei genitori è quindi un vero e proprio punto di riferimento, fuori e dentro la scuola, capace anche di promuovere momenti di socialità per favorire le relazioni tra le famiglie. Inoltre, nelle riunioni e nei momenti di confronto, specialmente sui gruppi whatsapp da qualche anno, svolgono poi una funzione di moderatore di toni e di linguaggi con una serie di attenzioni molto fini alla comunicazione. I genitori hanno riportato che in alcuni casi si domandano su quale sia la strategia più adatta per rapportarsi con un nucleo familiare, piuttosto che con un altro, andando anche a personalizzare le relazioni per renderle più favorevoli.

Dai rappresentanti dei genitori delle Scuole Primarie e della Scuola secondaria di primo grado, sono poi emerse proposte e idee per migliorare il legame scuola-famiglia. E anche in questo i rappresentanti si sono dimostrati creativi e versatili come nel ricoprire il loro ruolo. I genitori hanno proposto di favorire e aumentare la contaminazione della didattica con il mondo di vita delle famiglie, ad esempio proponendosi per attività di conoscenza dei mestieri, per avvicinare i bambini e le bambine ad un sapere pratico, con un’attenzione alla multiculturalità tramite la raccolta di storie, tradizioni e cibi. E quando si potrà, feste multietniche.

In tutto questo la scuola è sempre stata presente agli incontri, ora con la dirigente, con la collaboratrice vicaria o con l’insegnante referente alla salute, mantenendo una posizione di ascolto e di dialogo, raccogliendo le proposte e impegnandosi a rendere la scuola davvero condivisa. L’impegno è stato raccolto nell’Atto di Indirizzo presente nel nuovo Piano Triennale dell’Offerta formativa per il prossimo triennio, che prevede un incremento e un’incentivazione di progetti e attività volti a migliorare le relazioni e la comunicazione dentro e fuori la scuola.

Sicuramente questo percorso rappresenta un buon esito del progetto Pari e Dispari all’interno dell’IC di Borgo San Dalmazzo, oltre che una buona prassi di cui fare tesoro e da replicare nel tempo.

Regioni

Ti potrebbe interessare

Ecco le azioni del progetto: 7_Tienimi per mano

di

TIENIMI PER MANO Tale azione mira ad accompagnare le fasi di transizione dei bambini fra le scuole di diverso grado. Dall’esperienza della...

Perchè il nome PARIeDISPARI?

di

PARI e DISPARI fa leva sull’ineliminabile diversità di ogni bambina/o e sua storia pregressa, in quanto risorsa fondamentale per l’apprendimento, la crescita...

Febbraio 2019 | prendono il via le prime azioni sul territorio: tavoli di confronto tra operatori

di

A fine gennaio a Savigliano presso il Caffè Intervallo di Voci Erranti, si è riunito il tavolo di confronto dell’azione Bambini forti...