Con la prima card di Panthakù ho comprato i gelati per i miei figli

di

La testimonianza della mamma di un alunno dell’istituto comprensivo Calcedonia di Salerno

 

Prima del Covid con la sua attività di badante, benché a nero, riusciva a portare a casa un gruzzoletto per aiutare il marito a crescere i loro tre figli, il più piccolo dei quali ha tre anni. Ma allo scadere del lockdown, anche quell’occupazione precaria si è ulteriormente ridotta. “Sono stati mesi difficilissimi e il futuro non è roseo – spiega Maria, nome di fantasia, mamma di un alunno della scuola Calcedonia e beneficiaria delle social card del progetto con capofila Ai.Bi. “Panthakù. Educare dappertutto”, selezionato da Con i Bambini nell’ambito del Fondo per il contrasto della povertà educativa minorile – Ecco perché quando ci hanno contattati a marzo 2020 per dirci che potevamo beneficiare di questo bonus ho tirato un sospiro di sollievo”.

Dopo settimane passate a tirare la cinghia, comprando solo lo stretto necessario, la prima uscita con la card al supermercato è stata un giorno di festa: “Non mi vergogno a dirlo, ma ho riempito il carrello di gelati e cioccolata per i bambini – racconta la mamma – Per tenerli in casa ed aiutarli a passare il tempo, mi sono inventata pasticciera cimentandomi in diversi dolci. Ma mi chiedevano con insistenza i gelati, perché iniziava a fare caldo. E così, la prima card ricevuta è stata dedicata a ricompensarli per la pazienza che hanno dimostrato”.

Accompagnare il percorso di tre figli con un solo stipendio, non è infatti semplice: “Paghiamo 580 euro di affitto più il condominio a cui si aggiungono le bollette, le rate della macchina e l’assicurazione – continua la signora Maria – Mio marito lavora, ma non navighiamo nell’oro e siamo sempre costretti a fare dei sacrifici. Ringrazio di cuore il progetto Panthakù per questa possibilità.”

A settembre anche la card per i libri e il materiale scolastico ha aiutato la signora Maria e la sua famiglia a dormire sonni più sereni”.

La Panthakù card, gestita dall’Associazione Agape Fraterna Onlus, partner di Ai.Bi. Amici dei Bambini, è andata in soccorso di circa 90 nuclei familiari che ne hanno fatto richiesta o segnalati dalla scuola, per sostenere una parte delle spese alimentari, e da settembre per aiutarli negli acquisti sia di generi alimentari che di materiale scolastico per il nuovo anno accademico.

 

Regioni

Ti potrebbe interessare

Così mia figlia sta crescendo con il karate di Panthakù insieme ad Ai.Bi. e al CSI

di

La testimonianza della mamma di un’allieva dell’IC Calcedonia di Salerno Natalia Kversadze è la mamma di Natia Matiashvili, 11 anni, alunna dell’istituto...

Detrazioni fiscali: Panthakù e Acli al fianco delle famiglie

di

Mercoledì 14 aprile alle ore 16 primo incontro della rubrica “I consigli delle Acli” con due esperti per orientarsi in un settore...

Smalti, massaggi, spazzole e colori per gli artigiani del futuro insieme ad Ai.Bi. e alla CNA Campania Nord

di

Successo per i laboratori tenuti dalla CNA Campania Nord (Napoli) con gli allievi dell’Istituto Comprensivo Denza per il progetto Panthakù All’inizio erano...

Questo sito prevede l‘utilizzo di cookie. Continuando a navigare si considera accettato il loro utilizzo. Ulteriori informazioniOK