Competenza dell’osservazione: con Ai.Bi. e Panthakù si insegna a guardare i ragazzi con occhi diversi

di

Maria Vittoria Lanzara, esperta scelta da Ai.Bi., racconta la sua esperienza con i docenti delle scuole partner di Panthakù

 

La competenza è “la comprovata capacità di utilizzare conoscenze, abilità e capacità personali, sociali e/o metodologiche in situazioni di lavoro o di studio e nello sviluppo professionale e sociale”.  Almeno stando alle Linee guide per la certificazione delle competenze del Consiglio europeo.

Ognuno di noi, sottoponendosi a un esame di coscienza più o meno onesto, potrebbe dunque dirsi competente, meno competente o totalmente incompetente in determinati ambiti. Ma siamo sicuri che è sempre facile farlo?

Prendiamo la “competenza dell’osservazione”. A una prima analisi saremmo portati a dire che sì, tutto sommato, siamo competenti nell’osservare. Ma se applichiamo questo concetto a un modello educativo che vede il suo core business nel futuro dei minori, allora la faccenda si fa complicata. E ci conviene mettere da parte pregiudizi e griglie precostituite. Perché per trasmettere ricchezza educativa e combattere la povertà, occorre affinare più di uno strumento. E avere anche la giusta dose di fiducia per farsi accompagnare, da chi è più ferrato, in un viaggio per nulla semplice e scontato.

Lo sa bene Maria Vittoria Lanzara, esperta Ai.Bi. che, nell’ambito del progetto “Panthakù. Educare dappertutto”, selezionato da Con i Bambini, ha tenuto, l’anno scorso e quest’anno, l’incontro di battesimo con i docenti delle quattro scuole interessate (Calcedonia, Montalcini, Principe di Piemonte e Denza) una sorta di apripista ai corsi tenuti dai tutor dell’associazione Vela.

Denza Lanzara Panthakù

 

Partiamo con ordine. Il compito di Pino D’Andrea, Marta Peruzzini e del loro staff non è stato e non sarà semplice: perché far capire a un adulto che può insegnare meglio con i mattoncini Lego, sfruttando le tecniche del team building, non è proprio semplicissimo.

Ma non lo è stato neppure per l’esperta di Ai.Bi. far comprendere cosa fosse Panthakù e quanto fosse importante lavorare sulla consapevolezza.

“L’anno scorso i docenti hanno avuto una sorta di annuncio del progetto – spiega Lanzara – Erano sicuramente incuriositi, ma anche preoccupati, perché non avevano ancora chiarezza su tutta una serie di aspetti. Per questo la prima fase è stata dedicata ad aumentare in loro la consapevolezza della povertà educativa, che Panthakù si propone appunto di combattere. Li abbiamo coinvolti attraverso il metodo maieutico della riflessione ed è venuto fuori un dato che ha sorpreso molti. La povertà educativa non ha sempre a che vedere con la classe sociale o il reddito. Purtroppo è un fenomeno tanto esteso quanto trasversale”.

Principe Piemonte Lanzara panthakù

Dal confronto sono poi emersi i disagi della classe docente, che, soprattutto in questa fase, vive lo scotto di essere vissuta in maniera conflittuale da alcuni nuclei familiari, riducendosi dunque “a fare da animatori, psicologi e consulenti senza più il tempo di dedicarsi a quella che è la vera missione dell’insegnamento – continua Lanzara – ovvero lasciare un segno nei giovani”.

Come fare? Si parte dall’osservazione e dalla considerazione che la realtà di un ragazzo può e deve essere guardata da diversi punti di vista, dichiarandosi pronti a spostare di continuo la visuale.

Il momento di sintesi, invece, è tutto nella definizione dell’insegnante, che al di là della materia prettamente scolastica, deve saper sviluppare competenze sul fronte di quella che potremmo definire la “materia umana”.

“Così i prof hanno capito che potevano farsi aiutare e mettere a sistema gli input ricevuti dall’esterno. Un mix che all’inizio generava preoccupazione, ma che poi è risultato vincente”. Quest’anno sono appena terminati gli incontri e l’idea di capitalizzare l’esperienza ha avuto subito successo.

Lanzara Calcedonia Panthakù

“I docenti hanno capito che in questo modo possono essere più motivati nello svolgere le proprie mansioni – ribadisce Lanzara – e che seguendo questo percorso possono trasformarsi in generatori di ricchezza educativa”.

La parola chiave, ancora una volta, è competenza. Che non è studiare e conoscere una materia, ma fare un viaggio collettivo nel quale si deve essere sempre pronti a mettersi in gioco.

E il viaggio accanto al corpo docenti non termina qui perchè Ai.Bi. e Vela hanno in serbo per loro delle importanti novità che rafforzeranno ancora di più la collaborazione scuola/Panthakù sempre avendo i minori al centro dell’attenzione.

 

 

Regioni

Ti potrebbe interessare

Lorenzo: a scuola sto crescendo anche con il peer to peer di Ai.Bi.

di

L’esperienza di un alunno dell’istituto comprensivo Denza di Castellammare di Stabia Lorenzo Greco ha dodici anni e frequenta la II F dell’istituto...

Panthakù e Funneco riaccendono la scintilla dei giovanissimi alunni dell’IC Denza

di

In un video il racconto delle emozioni vissute in pandemia dagli studenti dell’IC Denza di Castellammare di Stabia   E’ una tavolozza...

Un audiolibro e tanti piccoli avatar: il lavoro di Saremo Alberi con gli alunni di Panthakù

di

Manuela Iacuzio: “Un’esperienza straordinaria il confronto con gli alunni di Panthakù”   Il progetto finale prevede la realizzazione di un audiolibro dove...

Questo sito prevede l‘utilizzo di cookie. Continuando a navigare si considera accettato il loro utilizzo. Ulteriori informazioniOK