Report Assemblea: Scuole Comuni

di

Obiettivo della sessione

Identificare possibili azioni comuni tra scuole e enti locali, per affrontare alcune delle sfide dell’educazione nell’attuale situazione

Principali proposte emerse

Quali sono i principali ostacoli alla collaborazione scuola – ente pubblico locale e come affrontarli?

  • Complessità di calare nella realtà della scuola iniziative di enti locali e terzo settore, che si muovono, ad esempio, con tempi diversi
  • Complessità delle procedure ministeriali (ad es. Piano Estate Scuola)
  • Fatiche della coprogettazione
  • Rigidità delle norme e dei contenitori (sicurezza, privacy, ecc.). Necessità di risposte sartoriali per sistemi uguali per tutti
  • Gli enti locali, così come altre istituzioni, dividono la propria azione sulla base di competenze e spesso questo rende complessa la comunicazione e lo sviluppo di sinergie tra filiere differenti, laddove invece il contrasto alla povertà educativa richiede risposte articolate
  • Le risorse, gli spazi e il tempo a disposizione per la programmazione sono insufficienti

Come costruire un’alleanza con servizi sociali territoriali per prevenzione e contrasto dispersione scolastica?

  • Istituire una figura di riferimento fissa e chiara nei servizi sociali territoriali per le scuole — intervento educativo preventivo dell’abbandono
  • Implementazione di centri diurni
  • Potenziare servizi sociali territoriali e focalizzazione di alcune figure sulla frequenza scolastica

Quali potrebbero essere i benefici di una maggiore partecipazione dei genitori alla vita scolastica? Come l’ente locale e i soggetti territoriali possono contribuire nel coinvolgimento dei genitori? Che forme organizzative possono darsi i genitori per contribuire al patto educativo territoriale?

  • Promuovere attività rivolte agli studenti/tesse che però coinvolgono anche i genitori
  • Organizzare comitati di genitori, per permettere una partecipazione più consapevole
  • Promuovere iniziative che richiedono un’azione fattiva dei genitori

Come costruire un patto scuola – ente pubblico locale – soggetti territoriali?

  • I Comuni devono promuovere i patti, partendo dalle esigenze della scuola (le scuole propongono, l’ente locale si occupa di regolamentare)
  • Co-progettare, partendo dai casi (ai bisogni specifici dei ragazzi) e non dalle cose. Affinare la capacità di risposta. Apprendere da ciò che si è fatto
  • Cornice di senso data dalla scuola per dare adito al patto. Non snaturare la scuola, “riempendola” di progetti, ma dotarla di strumenti e struttureper selezionare

Che cosa chiedere alla regione/ al MIUR su questi aspetti?

  • Inserire nei provvedimenti il riferimento alla condivisione con gli enti locali (ad es. Piano Scuola Estate non viene citato l’ente locale)
  • Sintesi tra politiche e fondi di diversi ministeri (Min. Famiglia, Istruzione, ecc.)
  • EduCare metterli a sistema?
  • Riforme che rendano possibili risposte più celeri

Come costruire un patto scuola – ente pubblico locale – soggetti territoriali?

  • Definire uno specifico tempo dedicato all’incontro e al dialogo declinato secondo i diversi contesti territoriali cittadini. Nel patto è importante definire alcuni punti fermi vincolanti (sicurezza)
  • Predisposizione delle istituzioni e apertura al dialogo: corresponsabilità, prossimità…
  • Soggetti minimi: USR, Aziende Sanitarie Locali, Tribunale minorile

Scuole Comuni

 

Ti potrebbe interessare

Arduino per tutti: arrivano le istruzioni in barese

di

“La nuova frontiera della programmazione in Arduino sono le istruzioni in dialetto”, ci racconta Marco Brocchieri appena rientrato dalla trasferta formativa nel...

La didattica nelle fabbriche dell’impossibile

di

In piena emergenza coronavirus la scuola si fa tra le mura domestiche e, per chi ha più risorse, anche online. Con l’Italia...

Report Assemblea: Genitori e scuola allo specchio

di

Obiettivo della sessione Individuare ostacoli e leve alla collaborazione tra scuola e genitori Partecipanti Rappresentanti partner: 4; docenti: 4; genitore: 3. Ostacoli...