Liberare i bambini dalla trappola della crisi

di

I numeri fanno paura, ma dietro i numeri s’intravede qualcosa di peggio. Nell’area euganea sono 1510 sono le posizioni lavorative perse tra gennaio e settembre di quest’anno, secondo l’analisi di Local Area Network. Colpito in particolare il settore dei servizi turistici con un meno -1. 315.

Dietro i numeri le persone: donne, uomini e bambini. Progetti di vita che s’incrinano. Per i bimbi si apre la trappola dell’impoverimento materiale assommato all’impoverimento di opportunità educative e relazionali.

Nell’area euganea agisce, in collaborazione con le amministrazioni locali di Teolo e di Abano, il Network Euganeo: anche in questo periodo difficile proviamo ad offrire attività educative extra scolastiche gratuite – a cui molti bambini e ragazzi altrimenti non potrebbero accedere – e il doposcuola per aiutare i ragazzi a non perdere motivazione e competenze scolastiche, ma soprattutto a non rinchiudersi nell’isolamento. Diamo un sostegno alle famiglie rinserrate nell’ansia con uno sportello di ascolto gratuito che offre consigli e percorsi di aiuto.

In breve cerchiamo di fare la nostra parte perché la faglia delle diseguaglianze non si allarghi sempre di più.

Regioni

Ti potrebbe interessare

Il doposcuola alla scuola Pascoli di Abano. Tasselli di alleanza educativa

di

Mariagrazia Perria, educatrice con una salda esperienza, ci parla del doposcuola alla Pascoli di Abano, e attraverso la sua voce scorgiamo dentro...

L’epidemia e la povertà educativa. Campanelli d’allarme dal Veneto

di

Save the children ha cercato di scattare una fotografia importante: l’impatto del coronavirus e delle sue conseguenze economiche sulla vita dei minori....

Abano: ragazzi protagonisti di uno spazio per gestire i conflitti

di

Prende il via domani martedì 25 maggio lo sportello di mediazione dei conflitti istituito presso la scuola media Vittorino Da Feltre di...