Lo strumento della Drammaturgia di Comunità per coniugare DaD e didattica in presenza

di

A Catania sta per partire il corso per docenti di  Officina SocialMeccanica.

Il percorso si propone di riflettere sulla narrazione come modalità principale di organizzazione della comunicazione e sulla Drammaturgia di comunità come strumento per far vedere e riconoscere la pluralità di identità che formano la comunità-scuola dando valore, attraverso il racconto di ciascuna, a tutti quegli elementi che ne costituiscono la ricchezza.

A partire da una concezione del fine educativo quale agevolazione del cambiamento e dell’apprendimento, il percorso intende esplorare le qualità attitudinali che si manifestano nel rapporto interpersonale fra il docente-facilitatore e il discente (accettazione, fiducia, comprensione empatica) all’interno di una metodologia interattiva che mette al centro percorsi interdisciplinari che tengano al centro la strutturazione di un “compito di realtà”, inteso come «una situazione-problema, quanto più possibile vicina al mondo reale, da risolvere utilizzando conoscenze e abilità già acquisite che vengono messe in pratica all’interno di contesti sociali diversi da quelli resi familiari dalla pratica didattica» (E. Vaj).

Secondo la metodologia induttiva della drammaturgia, una sorta di indagine investigativa che fa leva sui processi creativi dei/lle ragazzi/e, si proporrà di andare oltre la lezione frontale, in presenza o in webinar, favorendo la narrazione corale come risultato di un processo di apprendimento attivo, costruttivo e cooperativo. L’apprendimento è un fatto sociale, emotivo e soggettivo: sentimenti e nodi conflittuali fanno parte dell’esperienza della classe. Qualità specifica del teatro è quella di svelare come la realtà sia un costante esercizio di conflitti, espliciti e impliciti, complessi ed articolati. La narrazione, attribuendo agli eventi una logica di causa-effetto e uno sviluppo temporale, permette di organizzare e dare senso al disordine e al cambiamento continuo, non lineare e imprevedibile.

Il processo di creazione di un percorso di drammaturgia di gruppo e/o di comunità e il lavoro sulla narrazione si sviluppa su 5 fasi: scoperta e esplorazione di un tema, scrittura scenica (spazio- tempo – disposizione scenica), scrittura drammatica, mappa drammaturgica, montaggio scenico e può essere utilizzato in tutte le aree disciplinari secondo un approccio di interdisciplinarietà che prevede una restituzione finale alla comunità scolastica secondo una forma scelta insieme agli/alle studenti/esse (festa, parata, installazione interattiva, viaggio teatrale, etc.) ed è intrecciabile ai contenuti previsti nella programmazione didattica e non come attività alternativa a quest’ultima (cfr. a titolo esemplificativo la tabella sottostante):

 

IN PRESENZA IN DAD
Italiano Ricerca materiali – interviste teatrali – fotografie verbali – mappe -descrizione – composizione – drammaturgia seconda
Lingue comunitarie Ricerca materiali  – descrizione – composizione testi → google translate
Musica Esecuzione Ritmo – voce – Lavoro sui generi musicali → youtube
Arte e immagine Allestimento spazio scenografico Scrittura per immagini

Bozzetti → google art

Corpo movimento sport Espressione corporea Didascalie → tik tok
Storia Giochi di ruolo Costruzione personaggi

Sequenze – Rapporti causali

Geografia Ambientazione Osservazione → google earth
Matematica Problem solving – Costruzione di problemi
Scienze nat. e sperim. Registri – classifiche – cataloghi
Tecnologia Costruzione spazio scenografico Costruzione su web

 

 

 

METODOLOGIE: Teatro Sociale – Drammaturgia di Comunità – Educazione popolare – Educazione non formale

ARTICOLAZIONE:

Contenuti Obiettivi Tempi
Prima fase

– Analisi dei bisogni per progettazione collettiva dell’esperienza formativa

– Costruzione del gruppo secondo i principi dell’approccio centrato sulla persona.

– Prima fase della narrazione teatrale: esplorazione del tema

– Analisi delle motivazioni di contesto e loro relazione con i processi di apprendimento dal punto di vista del/lla docente e dell’allievo/a

– Lettura del contesto scolastico, delle possibilità e delle opportunità offerte dallo stesso contesto.

– Individuazione delle caratteristiche

degli eventuali limiti riscontrati nelle

strategie didattiche.

 

 

– Costruire collettivamente il

percorso di formazione

– Consolidare un gruppo di lavoro per la realizzazione degli obiettivi preposti

– Intercettare i vissuti della comunità-scuola

– Acquisire maggiore consapevolezza delle risorse e degli strumenti già esistenti e di quelli non ancora esplorati.

 

 

2 incontri

6h

Seconda fase

– Seconda fase della narrazione teatrale: elaborazione in forma di narrazione teatrale dei temi individuati.

– Lettura del contesto e programmazione di contenuti secondo la spirale freiriana

– Gerarchie dei bisogni per interpretare gli indici motivazionali

– Apprendimento collaborativo e cerchio complesso

 

 

– Acquisire, attraverso le categorie fondamentali della drammaturgia, consapevolezza delle aspettative sociali e relazionali di ruolo, delle concezioni, delle motivazioni e degli atteggiamenti nel processo di apprendimento, delle necessità profonde in cui hanno radici azioni e parole

– Lavorare sugli spazi e sui tempi della comunità-scuola

– Esplorare nuove strategie di programmazione didattica

 

 

4 incontri

12h

Terza fase

– Terza fase della narrazione teatrale: costruzione di una scrittura scenica.

– Categorie drammaturgiche: plot – situazione – condizione

– Narrazione e drammatizzazione dei

nodi conflittuali legati alla relazione e

al ruolo

– Autovalutazione del percorso

 

– Esplorare l’approccio narrativo come processo di comunicazione e facilitazione del sapere

– Acquisire strategie per la gestione di nodi conflittuali

 

4 incontri

12h

Totale ore 30h

Regioni

Ti potrebbe interessare

Il Dispositivo Mentoring

di

Il dispositivo Mentoring. Che cosa è ? Dove nasce? Quali sono i suoi obbiettivi? Come può essere applicato? Il termine mentore deriva...

Laboratorio Tesine

di

In questa situazione surreale, nella quale tutto il mondo sembra essersi fermato, continuano le attività del progetto “Mentori per la resilienza”. Le...

I Silent Book e il progetto Mentori a Catania

di

I laboratori di mentoring a Catania hanno seguito il macrotema della continuità. All’interno di questo tema sono state individuate due aree di...

Questo sito prevede l‘utilizzo di cookie. Continuando a navigare si considera accettato il loro utilizzo. Ulteriori informazioniOK