Grande sinergia tra i partner de “La Scuola del Contadino”

di

Una rete di realtà che collabora attivamente, che ci mette la faccia e le mani per il bene della comunità. È questa la base su cui si fonda e crescerà “La Scuola del Contadino”, la prima scuola gratuita contadina del Sud Italia volta ad offrire, attraverso forme alternative di didattica, occasioni educative, formative e professionali. Proprio come la terra che, se innaffiata e sapientemente curata, porta i suoi frutti, così ogni individuo, anche quello apparentemente “perso” e non integrato, può svolgere un ruolo utile per se stesso e gli altri, può imparare una professione se c’è qualcuno che si occupa di lui, lo segue e fa crescere in lui un germoglio di autostima, speranza ed esperienza.

Tante e meritevoli le realtà che hanno sposato questo progetto e che intendono dare il proprio contributo, ognuna a partire da un know-how diverso e personale, al fine di arricchire ancora di più i ragazzi e tutti coloro che vorranno avvicinarsi a questa esperienza di agricoltura sociale.

Finanziato da “Con i Bambini” e nato da un’idea della Cooperativa Sociale Tracceverdi, con la convinzione che tornare ad una filosofia contadina sia un forte segnale di resilienza e una grande opportunità di crescita, il progetto coinvolge attivamente diverse realtà come la Società Cooperativa Sociale SoleLuna, il cui maggiore supporto sarà quello di individuare i minori destinatari del progetto. Al Forum-Nazionale Agricoltura Sociale spetta, invece, il compito di realizzare attività formative inclusive, aspetto di cui si occuperà anche l’Associazione culturale Ombre, che si concentrerà, dal suo canto, sull’approccio pedagogico dato dall’arte, dal teatro e dall’artigianato anche in questo ambito.

Il Comitato Zonale e Provinciale ANSPI Bari si avvicina al progetto per curarne gli aspetti della comunicazione e l’approccio educativo. L’ associazione Effetto Terra – Campagneros si occuperà, invece, dei momenti di socialità e degli eventi che coinvolgeranno le famiglie degli utenti del progetto e  l’intera cittadinanza. A seguire i ragazzi in campo ci sarà la Cooperativa Sociale SILOE, con i suoi operai specializzati. Un percorso professionalizzante, tanto che prevede, anche degli stage aziendali presso due  partner dell’iniziativa: Parco Murgia Latte e  le realtà di Uci (Unione Coltivatori Italiani) Bari – Provinciale.

Collaborano a “La Scuola del Contadino” anche l’Università degli Studi di Bari Aldo Moro -Dipartimento di Scienze Politiche e Dipartimento di Scienze Biomediche e Oncologia Umana  ai quali spetterà il compito di certificare, alla luce delle loro competenze ed expertise, quanto l’agricoltura sociale sia un metodo didattico a tutti gli effetti, il Gal Terra dei Trulli e di Barsento s.c.a r.l. e gli istituti scolastici “Canudo-Marone ITT Galilei”e l’istituto comprensivo “Carano- Mazzini”, che veicoleranno il progetto presentandolo ai propri studenti. Supportano il progetto anche la Città Metropolitana di Bari e il Comune di Gioia del Colle, paese che ospiterà la scuola presso la masseria sociale “Il Gelso Ritrovato.

E mentre si continua a lavorare sulle modifiche e agli ambienti che accoglieranno i ragazzi, le tante professionalità e individualità si confrontano, si scambiano idee ed entusiasmo, diventando un “unicum”, mettendo insieme esperienza e voglia di fare per contribuire a creare, attraverso un approccio responsabile all’agricoltura, nuove opportunità, ripartire dalla terra e da se stessi per “rinascere” e “rifiorire”.

Nell’attesa che il progetto prenda il suo “via definitivo” vi raccontiamo i contributi e i desideri di ciascun partner attraverso una sezione di videointerviste presenti sulla pagina Facebook de “La Scuola del Contadino”, che si arricchirà sempre di più di nuovi contributi ed esperienze.

 

 

Regioni

Questo sito prevede l‘utilizzo di cookie. Continuando a navigare si considera accettato il loro utilizzo. Ulteriori informazioniOK