“Città dei Bambini”, è qui la musica: ecco il laboratorio per lo sviluppo ritmico-motorio

di

Le attività musicali hanno un potenziale enorme nello sviluppo dei bambini. Non è un caso, quindi, che uno dei laboratori del progetto “La città dei Bambini” di Misilmeri sia proprio dedicato alla crescita ritmico-motoria.

E ad occuparsene è un addetto ai lavori: Daniele Lo Dico, violinista e docente di musica, grande appassionato di propedeutica musicale.

Il laboratorio va in scena nei locali di Chiasso Dante Alighieri n. 10 e prevede in tutto dieci incontri per un gruppo di bambini fra i 3 e i 5 anni di età.

«Lavorando da tanti anni alla scuola dell’infanzia e alla scuola primaria, ho avuto modo di osservare e constatare che uno degli aspetti su cui occorre operare è lo sviluppo ritmico-motorio dei bimbi», sottolinea Daniele Lo Dico, aggiungendo: «Negli ultimi anni, infatti, le problematiche legate all’aspetto motorio sono aumentate notevolmente. I bambini spesso hanno difficoltà anche nella coordinazione di semplici azioni motorie, forse perché ormai il gioco è veicolato soprattutto dal canale visivo, trascurando l’aspetto motorio».

Nella prima parte del laboratorio sono state previste alcune attività musicali che puntassero allo sviluppo motorio e uditivo, cercando di porre l’attenzione sull’ascolto e sulla corretta riproduzione motoria, sulla coordinazione, consapevolezza e gestione del proprio corpo.

«Successivamente ho rivolto l’attenzione verso lo sviluppo di attività gesto-motorie utili per l’acquisizione di una più sentita coscienza psicomotoria da parte dei bambini- aggiunge Daniele- Non trascurando il fatto che una qualsiasi azione psicomotoria può essere, sempre e comunque, provocatrice di condotte emotive, ludiche e fantastiche».

Scopo principale del laboratorio musicale è quindi far vivere il gioco di libera scoperta fantastica del proprio corpo, «per ridare quello spazio di libertà che, attraverso la musica, permetta ai bambini di pro-muovere e scoprire la loro corporeità in termini psicomotori, emotivi e fantastici».

Il progetto “La città dei Bambini” è stato selezionato dalla Fondazione Impresa sociale “Con i bambini” nell’ambito del Fondo per il contrasto della povertà educativa minorile.

Realizzato nell’omonimo Polo educativo per l’Infanzia di Misilmeri (chiasso Dante Alighieri n. 10), ha come capofila la cooperativa sociale “Libera…mente” e vede coinvolti tra i vari partner anche il Comune di Misilmeri e la Direzione didattica statale “Salvatore Traina”.

Regioni

Ti potrebbe interessare

“Città dei Bambini di Misilmeri”, gita al Parco di “Nonna Betty”

di

Una gita di gruppo come epilogo del progetto “La Città dei Bambini” di Misilmeri e dell’anno scolastico. Si è svolta sabato scorso...

Come gestire le emozioni dei bambini? Misilmeri, al via un ciclo di incontri gratuiti

di

L'iniziativa è denominata "Pro Attivi" e il primo incontro sul tema "Le emozioni in infanzia: il genitore allenatore emotivo" si terrà venerdì 26 ottobre alle ore 16.30 presso "La città dei bambini".

Questo sito prevede l‘utilizzo di cookie. Continuando a navigare si considera accettato il loro utilizzo. Ulteriori informazioniOK