A Terrasini il bilancio dei primi mesi: “Entusiasmo, soddisfazione e tanta voglia di fare”

di

Con la chiusura delle scuole i laboratori de “L’Atelier Koinè” a Terrasini, ospitati dall’IC Giovanni XXIIII (scuola partner di progetto), si sono temporaneamente fermati ma il lavoro continua sul territorio siciliano – e non solo – con riunioni periodiche ed eventi.

Tutte le realtà che fanno parte di questa grande rete sono in fermento: dopo i primi mesi di lavoro la voglia di continuare a garantire risultati già raggiunti su tutti i territori coinvolti nelle regioni Sicilia, Calabria e Lazio (dove ha sede l’ente capofila, la “Lanterna di Diogene” cooperativa sociale onlus di Mentana) è davvero tanta.

Prima di salutare i nostri ragazzi nella scuola di Terrasini abbiamo organizzato un evento riassuntivo del percorso iniziato e messo in piedi grazie al lavoro degli esperti messi a disposizione dall’Associazione “Alba”. Una rappresentazione in musica e teatro che voleva far arrivare a tutti i presenti quello che gli adolescenti vivono e provano, in una fase di crescita così delicata.

Monica Messina, presidente dell’Associazione Alba (partner dell’Atelier Koinè), rivive quel giorno e quelle emozioni e, nel riportarcele, non nasconde un moto di orgoglio e felicità per quanto fatto ma, allo stesso tempo, ci racconta che ha tanta voglia di fare ancora e meglio.

“Il nervosismo prima dell’esibizione è davvero tangibile – racconta Monica Messina – E’ la prima volta un po’ per tutti… C’è Miki un dolce ragazzino che si è innamorato ma la sua amata non c’è, ci sono le due ragazzine che hanno lo sketch più importante e hanno paura di non suscitare le giuste reazioni. Ci sono i maschietti sfrontati e sicuri di sé! Il palcoscenico, insomma, è ricco e vario”.

“Ok andiamo in scena un po’di confusione – prosegue il racconto di Monica Messina – qualcuno si dimentica le battute ma con grande maestria riusciamo a superare anche questo. Il pubblico sorride e non solo: ride di gusto perché le attrici sono entrate davvero nella parte! Una si comporta un pò da “influencer”; l’altra è la tipica terza figlia che ha sempre la sensazione di essere l’ultima ruota del carro eppure, lì sul palco è stata grandiosa, segno che le nostre lezioni sono servite a farle prendere coscienza delle sue grandi potenzialità“.

Ma la parte che di quella giornata fantastica, di festa e successo, a Terrasini, Monica Messina ci racconta con più soddisfazione è la parte dedicata alle reazioni dei genitori: “Applausi e complimenti da parte dei genitori ma la cosa più dolce l’abbraccio orgoglioso di mio figlio che mi dice “mamma sono felice è bello fare questo!” Con quella sua semplicità unica, che mi fa ritornare forte addosso la bellezza di ciò che è stato fatto finora grazie al progetto L’Atelier Koiné e di quello che potremo fare nei prossimi anni insieme ai nostri ragazzi”.

Regioni

Argomenti

Questo sito prevede l‘utilizzo di cookie. Continuando a navigare si considera accettato il loro utilizzo. Ulteriori informazioniOK