#dettotranoi | Ripartenza e scoperte

di

La ripartenza con le scuole coinvolte nel progetto ItaliaEducante fa emergere tutta la bellezza e la fragilità dei ragazzi e delle ragazze che tornano a doversi misurare con la scuola in presenza. Questa mattina, nella nostra riunione d’équipe, è emerso un dato molto interessante ma, al contempo, preoccupante: in tutte e sette le regioni in cui operiamo (Calabria, Campania, Emilia Romagna, Piemonte, Puglia, Veneto, Trentino Alto Adige), il ritorno in presenza sta facendo emergere alcuni tratti comuni nei ragazzi soprattutto delle scuole medie come, ad esempio, una fatica a “rientrare” nella dimensione del reale. Un anno e mezzo di dad li ha disabituati alle relazioni dirette tra pari oltreché alle dinamiche scolastiche tout court; la mediazione della tecnologia ha fatto sì che, pur essendo fisicamente insieme, privilegino lo scambio via social o messaggistica multimediale rinunciando alla vita di comunità. Sul piano della partecipazione scolastica, emerge una grande fatica a riprendere il ritmo tipico delle lezioni e delle consegne usuali. Ed, allora, i nostri educatori, in alcuni casi, si stanno attivando per far partire attività e laboratori di rimotivazione e riaggancio emotivo ricorrendo, in primis, a laboratori di arti espressive. Insomma, la sfida educativa se già prima era articolata, oggi si fa davvero complessa e, sotto certi aspetti, nuova. La collaborazione di ItaliaEducante diventa sempre più di cruciale importanza per il mondo scolastico.

Mariachiara Martina, responsabile Comunicazione ItaliaEducante

Ti potrebbe interessare

#dettotranoi | Alessia e Giorgia

di

In queste settimane, stiamo raggiungendo i ragazzi e le ragazze che partecipano a ItaliaEducante in giro per l’Italia per ascoltare dalla loro...

#dettotranoi | ItaliaEducante a sistema!

di

Abbiamo accolto ItaliaEducante con entusiasmo anche se già sapevamo che avrebbe dovuto adattarsi alla nostra realtà territoriale. La presenza degli educatori è...

#dettotranoi | Effetto invisibile

di

<<Esisteva la psicologa della scuola per ascoltare le piccola grandi delusioni e paure dei ragazzi. Adesso, le cose sono cambiate un po’>>....