#dettotranoi | Il progetto che serviva

di

Come in tutti i progetti, all’inizio, c’era un po’ di perplessità data anche dal fatto che si trattava di una cosa del tutto nuova. Non si è mai visto un progetto proposto alla scuola che duri quattro anni! Oggi, dopo quasi tre anni dall’avvio delle attività in sinergia con ItaliaEducante, il riscontro è molto positivo. Uno dei punti di forza del progetto è il suo aggancio al territorio e la possibilità di proseguire la relazione con le famiglie ed i ragazzi al di fuori del contesto scolastico grazie a iniziative pianificate e portate avanti dagli educatori che sono molto ben radicati sul territorio. Avere la possibilità di continuare la relazione con i ragazzi anche quando la scuola è chiusa ha un valore inestimabile! Ad esempio, con i ragazzi delle terza media è stato fondamentale. Bisogna tenere conto del fatto che la situazione contingente ha fortemente inciso sui ragazzi. Non abbiamo mai avuto le problematiche che, usualmente, si segnalano alle superiori ma, ad esempio, quest’anno, anche i nostri alunni delle medie sono demotivati, non trovano più stimoli nel partecipare alle lezioni… Proprio per far fronte alla situazione che si è venuta a generare per via del Covid-19 e dell’impatto sul sistema scuola e relazioni, con Nexus, l’associazione partner del progetto, ci siamo attivati per offrire sostegno psicologico ad ampio raggio. I genitori, ad esempio, quest’anno non hanno risposto alla diverse chiamate della scuola… La fatica si avverte anche in loro, naturalmente…
La presenza di ItaliaEducante in questo anno e mezzo di emergenza, imprevedibile ed imprevista, è stato fondamentale. Ma direi che è fondamentale a prescindere: avere educatori che affiancano insegnanti nel percorso scolastico dei ragazzi ha un impatto decisamente positivo. L’idea che il progetto termini il prossimo anno, mi spiace molto, naturalmente. Si dovrebbe trovare il modo di integrarlo a livello sistemico.

Con il contributo della prof.ssa Daniela Napolitano, referente della rete partner di ItaliaEducante/Piemonte

Regioni

Ti potrebbe interessare

L’impatto sociale di ItaliaEducante

di

Nel raggiungere l’obiettivo primario di diminuire la dispersione scolastica nei luoghi in cui ItaliaEducante è presente, il progetto mira a mettere a...

#unodinoi | Marika tra le montagne

di

Immaginare ItaliaEducante su un cocuzzolo di montagna? Si può! Sto, infatti, coordinando le attività del progetto in un territorio montano del Piemonte,...

#Unodinoi | I posti del cuore

di

È la prima volta che ho a che fare con un progetto come quello di ItaliaEducante e devo dire che mi porto...