Il mio primo giorno di scuola e la paura che mi assale

di

Alessandra, 15 anni

Molti ragazzi odiano la scuola, non tutti ma la maggior parte. Il primo giorno di scuola per molti è una vera rottura di scatole, per altri è una vera gioia.

Io lo ricordo bene il primo giorno di scuola. Ero d’accordo con un’amica per incontrarci prima di entrare a scuola, visto che ogni volta mi ritrovo sperduta in quel piccolo problema. Al bar, facendo colazione, ridevamo e scherzavamo, mentre io pensavo solo che stavo rimandando quel problema.

Infine mi ritrovai lì: improvvisamente, il mio corpo si congelò. Non sapevo esattamente perché, forse l’idea che potesse succedere qualcosa, qualunque cosa, o forse perché non sono brava a parlare con la gente.

Quel piccolo pensiero iniziò a moltiplicarsi alla velocità della luce, sentivo il cuore in gola e l’ansia mi assaliva. Diventò tutto buio per pochi secondi, finchè intorno a me comparvero centinaia di occhi che mi guardavano, ridendo.

Ma ad un tratto vidi un viso amichevole, che mi disse “Ehi tranquilla”. Era la mia amica. Mi tranquillizzai, la campanella suonò e la folla si divise in gruppi.

Mi diressi verso il mio cancello, pensando che dopotutto non avevo nulla di cui aver paura.

QUI IL PODCAST COMPLETO

Regioni

Ti potrebbe interessare

Ho superato questo periodo grazie agli spazi ampi intorno alla mia casa

Un ruolo importante lo ha avuto la mia famiglia: giocavo a ping-pong con mio padre, a calcio con mio fratello e potevo passare del tempo in bicicletta.

Un bambino del 2021 intervista il Sommo Poeta Dante Alighieri

Un dialogo a tu per tu con Dante sul covid e il futuro: Voi giovani siete il futuro. Da voi il mondo può ripartire e torneremo così tutti a rivedere le stelle e il cielo.

Per il primo anno, un Natale solitario e privo delle nostre tradizioni

Inizialmente ero felice di passare un Natale in famiglia: io, mio padre e mia madre. Però, alla vigilia, mi sono sentita un pò triste perchè mi mancavano i miei nonni, cugini, zie e zii.