Ho vissuto la difficoltà di trovare amiche sincere

di

Mary, 13 anni

A ognuno di noi è capitato nella vita di trovarsi in difficoltà, di dover attraversare la selva oscura, per vari motivi. Anche io mi sono trovata in un momento di smarrimento ed è stato un momento difficile e buio. Mi sono ritrovata in 5° elementare, con gli stessi compagni dell’anno precedente ma mancava la mia migliore amica che si era trasferita.

All’inizio ho legato con un’altra amica ma dopo è successo il finimondo, tra l’altro non ero tanto amica già dalla prima elementare con alcune compagne. La mia nuova amica si chiamava Ambeta e dopo poco tempo una mia compagna di classe si è unita a noi.

Un giorno dovevamo fare una recita a scuola d’inglese e ci siamo messe d’accordo per fare un pezzo per ciascuno ma il giorno della recita loro non c’erano e quindi ho ripetuto il mio pezzo da sola. Pian piano si allontanarono da me e non sapevo il perchè.

Poi sono diventata amica con altre due compagne, però presto mi sono resa conto che mi stavano sfruttando solo per avere i compiti, facevano finta di essere mie amiche perchè a scuola erano attaccate, però poi se chiedevo di stare con loro a ricreazione o quando scendevamo le scale mi rispondevano: stiamo parlando di cose che non puoi sapere…..Anche i cioccolatini e le caramelle che portavano li offrivano a tutti tranne che a me.

A tutti noi è capitato di sentirci smarriti in una selva oscura e non sapendo come uscire forse in alcuni casi abbiamo chiesto anche aiuto. Io ho chiesto aiuto a mia mamma, lei è stata la mia guida, come Virgilio per Dante e ha fatto tutto il possibile per aiutarmi e farmi uscire da quella triste situazione.

Regioni

Ti potrebbe interessare

Siamo nella selva oscura creata da noi, ma possiamo tornare a vivere in armonia con la natura

Con l’arrivo dell’industrializzazione, l’uomo ha messo al primo posto il guadagno, dimenticando tutti i beni preziosi che la natura gli ha fornito.

Persa in una selva oscura

Se è vero, come dice Dante, che per arrivare in Paradiso si deve passare per l’Inferno, sicuramente ne usciremo più forti e più capaci di apprezzare quello che si trova intorno a noi.

Per il primo anno, un Natale solitario e privo delle nostre tradizioni

Inizialmente ero felice di passare un Natale in famiglia: io, mio padre e mia madre. Però, alla vigilia, mi sono sentita un pò triste perchè mi mancavano i miei nonni, cugini, zie e zii.

Questo sito prevede l‘utilizzo di cookie. Continuando a navigare si considera accettato il loro utilizzo. Ulteriori informazioniOK