Il segreto sta sempre nel sapersi confidare in tempo senza paura

di

Annalaura, 12 anni

Ormai è passato del tempo e solo ora mi rendo davvero conto di come sono stata veramente.

Era settembre 2020, andava tutto bene ed era la prima volta che ritornavo a scuola dopo circa sei mesi per via del covid. Ero tranquilla e felice non sapevo ancora niente di quello che mi aspettava. Qualche mese dopo per via di alcuni insulti che avevo ricevuto da diverse persone cominciai a cambiare il modo di vedermi esteticamente, fino a trasformarlo in un vero e proprio incubo.

Ero convinta di essere diversa dalle altre mie amiche, ero convinta di essere grassa, di avere cosce molto più grandi di tutte le altre mie coetanee e soprattutto il mio cervello continuava a dirmi che pesavo molto più delle altre. Ero immersa in un mondo di insicurezze, era terribile. Dopo varie ricerche fatte di nascosto dai miei familiari arrivai ad una conclusione: l’unica cosa che potevo fare per diminuire il mio peso era per l’appunto diminuire il cibo e controllarmi mentre mangiavo.

All’inizio era qualcosa di abbastanza tranquillo, mi pesavo e mangiavo di meno ma i risultati che volevo non arrivavano. Così cominciai a nascondere il cibo e anche a prendere scuse per cercare di non mangiare come ad esempio aver mangiato già fuori con delle amiche per poi a casa restare a digiuno.

Fu un periodo terribile, ma in realtà, la sera, ripercorrendo quello che avevo fatto per non mangiare alla fine ero soddisfatta di me stessa. Iniziai a scendere di peso e anche le mie cosce erano sempre più piccole. C’era però sempre la preoccupazione di esser scoperta dai miei genitori perché, anche durante i pasti, loro avevano già intuito che qualcosa non andava, soprattutto mia madre che ogni giorno mi faceva ‘’l’interrogatorio’’ per cercare di capire cosa non andava.

Devo dire che passarono mesi e io scoprii anche che contare le calorie mi avrebbe aiutato e così fu. Solo verso i primi di dicembre io capii che quello che in realtà avevo era un disturbo alimentare, patologia caratterizzata da una alterazione delle abitudini alimentari e da un’eccessiva preoccupazione per il peso e per le forme del corpo. Insorgono prevalentemente durante l’adolescenza e colpiscono soprattutto il sesso femminile.

In quei giorni cominciai davvero a preoccuparmi perchè ero consapevole di quello che mi stava succedendo. Iniziai a sentirmi male, ad avere le vertigini e forti mal di testa dovuti appunto alla mancanza di zuccheri e proteine nel mio corpo. Dopo varie analisi del sangue fatte per capire se avevo dei valori non messi bene io decisi di confidarmi e raccontare tutto a mia madre e al mio migliore amico che mi sono stati accanto e che mi hanno supportata per tutto il tempo che mi è servito per uscirne e ritornare ad essere me stessa.

Spesso capitava che provavo a ricadere nelle tentazioni che mi dicevano di non mangiare ma cercavo di ignorarle e di pensare ad altro. Ora, nel 2021 come obbiettivo mi sono promessa di credere in me stessa e di non ascoltare MAI gli insulti e tutte quelle persone che non vedono l’ora di vedermi crollare.

Sono convinta di essere psicologicamente più forte e matura di tutta questa gente bruttissima che deve sempre far male alle persone e soprattutto sono pronta ad aiutare tutte quelle persone che stanno passando tutto il brutto che ho passato anche io. Non è giusto che ci facciamo distruggere psicologicamente da tutte queste persone che non sono consapevoli del male che possono farci.

Proprio per questo attualmente esistono medici, psicologi, nutrizionisti e tantissimi altri esperti che sono pronti ad aiutare e collaborare ad aiutare queste persone che possono cadere in un tunnel che spesso non ha un lieto fine. Ho deciso di raccontare proprio questa mia esperienza soprattutto per evitare tantissime altre situazioni come la mia e spesso anche molto più gravi.

Il segreto sta sempre nel saper affrontare le situazioni, nel sapersi confidare in tempo senza paura e affrontare a testa alta senza farci mettere i piedi in testa da nessuno queste brutte situazioni. Io, grazie a questa esperienza, non mi farò mai mettere più i piedi in testa da nessuno, e sono sicura che riuscirò ad affrontare tutto e tutti senza problemi.

Regioni

Ti potrebbe interessare

La mia selva oscura, nella speranza di rinconquistare la normalità

Da un anno a questa parte, stiamo attraversando una situazione molto difficile, che ci ha stravolto completamente, rivoluzionando le nostre vite.

Un bambino del 2021 intervista il Sommo Poeta Dante Alighieri

Un dialogo a tu per tu con Dante sul covid e il futuro: Voi giovani siete il futuro. Da voi il mondo può ripartire e torneremo così tutti a rivedere le stelle e il cielo.

Siamo nella selva oscura creata da noi, ma possiamo tornare a vivere in armonia con la natura

Con l’arrivo dell’industrializzazione, l’uomo ha messo al primo posto il guadagno, dimenticando tutti i beni preziosi che la natura gli ha fornito.

Questo sito prevede l‘utilizzo di cookie. Continuando a navigare si considera accettato il loro utilizzo. Ulteriori informazioniOK