Si torna al Museo, con Horticultura

di

Si torna al Museo, con Horticultura. L’Osservatorio sulla povertà educativa minorile, curato da Con I Bambini e dalla Fondazione Open Polis, al riguardo fornisce dati allarmanti. I bambini non frequentano i luoghi di cultura. Il loro tempo libero, e quello delle loro famiglie, in troppi casi non si sviluppa nei musei.

Un patrimonio da vivere, per tanti giorni l’anno

Una regione come la Campania offre, da questo punto di vista, davvero tantissime opportunità. Eppure la Campania ha una media regionale tra le più basse in Italia, rispetto alla fruizione da parte dei bambini e dei ragazzi. I musei sono un luogo in cui i giovanissimi arrivano, ma sostanzialmente solo una volta l’anno, in occasione della visita con la propria classe.

A causa della pandemia da Covid 19, la situazione è addirittura peggiorata. I visitatori infatti sono calati, nel complesso, del 76%. Un disastro, che non si potrebbe definire altrimenti. L’emergenza sanitaria ha determinato, per quanto riguarda lo specifico target dei bambini e dei ragazzi, un calo di 10 punti. Un danno ancora più significativo, se si considera la peculiarità di questa fetta di destinatari. Nota Con I Bambini: “È interessante osservare come, persino nel 2020, i bambini e i ragazzi restino il segmento di popolazione che con più frequenza visita musei o mostre”.

Si torna al Museo, con Horticultura.

I musei sono, a tutti gli effetti, un soggetto che è parte integrante della comunità educante. Sia pure con concentrazioni differenti a seconda dei territori, è un fatto che in tutta l’Italia i siti culturali siano molto ramificati, quindi una potenzialità educativa per la gran parte dell’infanzia e dell’adolescenza. Ma è importante ideare e mettere in pratica un’offerta didattica, educativa e ludica che faciliti l’incontro tra famiglie con bambini e musei, favorendo una fruizione continuativa e sistematica dei Beni Culturali.

Gli orti didattici museali vanno in questa direzione. Rappresentano una sperimentazione innovativa. I risultati sono già evidenti. Tanti bambini sono tornati nei siti culturali più volte l’anno. Si tratta di una prassi già presente in 4 siti, ma ulteriormente replicabile.

 

 

Regioni

Argomenti

Ti potrebbe interessare

Ortobox, il kit dei piccoli ortolani

di

Ortobox è un regalo per i piccoli ortolani di HortiCultura. Quest’anno riusciremo a battere sul tempo Babbo Natale e la Befana. E...

Orti, Cultura e tanto altro

di

HortiCultura è un progetto in rete che vede coinvolti partner con esperienze e know how differenti. Abbiamo chiesto a Roberto Annibale Malinconico,...

I bambini di Pompei, finalmente negli Scavi con Horticultura

di

I bambini di Pompei sono finalmente negli Scavi per le attività di Horticultura. Prima la pandemia, poi una serie di aspetti logistici...